FERMO – Nell’ambito dell’attività formativa organizzata  dalla Polizia di Stato, la settimana scorsa era in programma una lezione per gli studenti del Liceo Scientifico Temistocle Calzecchi Onesti di Fermo con la presenza degli esperti del Gabinetto di Polizia Scientifica di Ancona per parlare di genetica forense e balistica.

Al loro arrivo, però, l’occhio esperto degli investigatori scientifici è stato attratto da un distributore di vivande che riportava segni di effrazione, presenti anche sulla porta di accesso alla stanza stessa.

Grazie all’impiego delle strumentazioni a disposizione, gli investigatori si sono immediatamente posti all’opera per rilevare eventuali tracce ed impronte latenti (quelle non visibili ad occhio nudo), armati di polveri esaltanti specifiche e pennellino.

Occasione unica per gli studenti presenti che da una mera lezione teorica si sono trovati di fronte ad una scena del crimine in piena regola. In seguito il funzionario tecnico del Gabinetto Polizia Scientifica di Ancona, ha  illustrato agli studenti le regole base da seguire in un sopralluogo di polizia, per evitare di compromettere tutti gli elementi utili alla ricostruzione di quanto accaduto.

Le impronte rinvenute sono ora al vaglio degli uomini della Scientifica del Commissariato di Fermo per risalire all’identità degli autori del furto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 911 volte, 1 oggi)