SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Giovanni Gaspari dichiara guerra a un manifesto. Precisamente a quello di un night club di prossima apertura in città che, a detta del sindaco, “è altamente offensivo non solo per le donne ma per l’intera società”.

Il cartello annuncia “nuovi arrivi”, riferendosi come detto ad un locale notturno. Ed è proprio questo accostamento ad indignare Gaspari sulla propria pagina Facebook: “Dal punto di vista strettamente amministrativo, ho dato già disposizione affinché questo materiale, abusivamente installato, venga rimosso quanto prima”.

Prosegue il sindaco: “Al primo sguardo superficiale sembra essere la pubblicità di un negozio di abbigliamento. Soffermandosi più attentamente si capisce purtroppo che non si tratta di un negozio e la quella locuzione non si riferisce a capi di abbigliamento. Anni di battaglie, sacrifici e conquiste sociali sono spazzati via da una frase che paragona le persone a oggetti di moda: tutto ciò non può essere francamente tollerato, nel rispetto della dignità di ogni essere umano. Mi auguro però che questa presa di posizione sia condivisa attraverso una pubblica indignazione: perché se svolgere certe attività non è vietato dalla legge, è sicuramente inaccettabile promuoverle in questo modo umiliante e repellente”.

Precedentemente, il primo cittadino aveva ricordato come “la crescita e l’affermazione dei movimenti femministi, le battaglie fatte dalle donne e dagli uomini in questi decenni, hanno reso la società italiana meno misogina e maschilista, più aperta. Lo spirito di quelle battaglie si è un po’ affievolito, l’Italia deve fare ancora tanta strada nel campo dell’affermazione dei diritti civili”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.291 volte, 1 oggi)