GIULIANOVA – Episodio increscioso nel tardo pomeriggio del primo luglio. A Giulianova, intorno alle 19.30, una pattuglia della Polfer ha visto uscire del fumo denso e scuro dalle finestre di una palazzina in costruzione, quasi ultimata, situata in viale Orsini (angolo via Arenzano).

Gli agenti sono giunti sul posto e alcuni cittadini hanno dato loro indicazione di due ragazzi visti uscire dall’edificio poco prima che si stavano dirigendo velocemente verso la vicina ferrovia. I poliziotti hanno cominciato a inseguire i due giovani riuscendo a individuarli e a bloccarli. Entrambi sono stati fatti salire immediatamente sull’autovettura di servizio in quanto gli abitanti vicini alla palazzina incendiata si stavano scagliando in vivaci proteste contro i due.

Sono stati condotti nell’ufficio Polfer e sono stati identificati in F. H. Z., nato in Tunisia ma residente a Giulianova (classe 1996) e P. H. R., cittadino albanese ma residente a Giulianova (26enne). Il personale di Polizia, portandosi sul posto con gli operatori della Polizia Scientifica, ha accertato che il fuoco era stato appiccato dolosamente in due diversi piani dell’edificio: il primo e il quarto mansardato. In entrambi i due avevano dato fuoco ad alcuni pannelli isolanti in lana di vetro e a parte della guaina perimetrale per gli impianti a pavimento e ad alcuni residui in legno presenti.

I ragazzi sono stati tratti in arresto. E’ stata informata la Procura che ha disposto per i due gli arresti domiciliari.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 821 volte, 1 oggi)