SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Venerdì 26 giugno sarà la giornata Onu dei Lavoratori Marittimi, un’iniziativa dedicata ad una categoria storicamente fondamentale della città.

San Benedetto sarà la prima città d’Italia a celebrare la ricorrenza, e la giornata vedrà una serie di eventi incentrati sia sul passato che sul futuro dei lavoratori marittimi. L’iniziativa è volta principalmente a portare l’attenzione del pubblico sulle condizioni di vita e di lavoro dei marittimi (categoria che include anche la marina militare).

Si parte alle 10.30 presso la Capitaneria di Porto con interventi da parte del comandante Sergio Lo Presti, del sindaco Gaspari e del responsabile Onu Fabio Graziosi. Nel corso della mattinata sarà inoltre presentato il bando per una borsa di studio 2015/16 istituita dall’associazione Omnibus Omnes e destinata ai figli dei lavoratori marittimi e delle vittime del mare.

Alle 11.30 si terrà, davanti alla banchina di riva Madonna di San Giovanni, un’esercitazione sulla sicurezza in mare e a terra, curata dalla Capitaneria di Porto e dalla Federazione Italiana Salvamento Acquatico.

Più tardi, alle 18, il responsabile Onu Graziosi visiterà il Museo del Mare, il mercato ittico e due motopeschereccci messi a disposizione dalla cooperativa Pescatori Progresso, e verrà poi invitato dalla Capitaneria ad un’uscita in motovedetta.

Una cena solidale presso il Ristoro al Porto andrà a chiudere la serata. Sarà disponibile un menu speciale per l’evento, e una parte dei proventi andrà a finanziare la borsa di studio; per quanto riguarda invece l’intrattenimento musicale, ci sarà il duo “Musica in corde” e la presenza straordinaria della cantante Lighea.

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 404 volte, 1 oggi)