SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Provincia non impegnerà risorse per la piscina comunale esterna né ora, né in futuro. Il presidente Paolo D’Erasmo ha incontrato l’assessore Eldo Fanini, ribadendo la disponibilità al finanziamento per la riqualificazione della pista d’atletica, ma non per la ristrutturazione di parte dell’impianto natatorio

D’Erasmo avrebbe motivato la decisione con l’assenza di una convenzione che preveda la frequentazione degli studenti delle scuole superiori della Primo Gregori.

“La prossima settimana ci incontreremo e formeremo un Comitato formato dai genitori degli utenti della piscina – dice Diego Franceschini della Pool Nuoto – lo scopo sarà sensibilizzare una città che non si sta minimamente al problema. Ci appelliamo anche agli albergatori che ci diedero un appoggio di facciata e alle altre associazioni sportive che finora sono rimaste in silenzio”.

Il problema della piscina esterna da 50 metri è legato tra le altre cose alle misure di sicurezza del bacino, da rialzare dai 3 metri attuali ad 1 e 80. A gennaio il sindaco Gaspari comunicò la firma di un protocollo d’intesa con Palazzo San Filippo, che avrebbe investito circa 300 mila euro per la riqualificazione della vasca all’aperto. “E’ la prova che i protocolli non servono a niente, avevano il solo compito di darci un contentino e farci calmare. E’ stata una presa in giro, l’ennesima. Il primo a prenderci in giro è stato Gaspari, poi il presidente regionale del Coni Sturani che si è fatto negare per mesi. Riguardo a D’Erasmo, chiedemmo un confronto attraverso la sua segretaria e stiamo ancora aspettando una risposta”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 793 volte, 1 oggi)