SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Fuochi d’artificio e musica fino a tardi. E fu così che il tavolo della movida saltò a nemmeno settantadue ore dall’accordo.

A finire sotto la lente d’ingrandimento è soprattutto la serata di domenica. “Mi sento preso in giro – commenta il presidente dell’Itb, Giuseppe Ricci – da casa mia si è sentita musica fino alle 4 e 20; il lunedì c’è gente che va al lavoro e che viene da una giornata di altrettanto lavoro. Serve il rispetto delle regole”.

Prima di lui era stato il titolare dell’Hotel Progresso Giorgio Mancini a protestare, con il sindaco Giovanni Gaspari che ha prontamente risposto sui social network: “Sono passato sul lungomare attorno alle 2 – ha detto il primo cittadino – tranne un locale a Porto d’Ascoli che sparava decibel, il resto era tutto spento”.

Dei locali aderenti alla Madrugada, l’unico nel quale era in programma una serata era Bagni Andrea. Lì si è svolta una festa di matrimonio suggellata da uno spettacolo pirotecnico. Un evento autorizzato dal Commissariato della Polizia di Stato, andato in scena oltre la fascia 23-24.

“Il matrimonio si è protratto e la festa si è allungata – precisa Sandro Assenti – io non avevo alcuna responsabilità, dal momento che l’accordo è stato siglato tra il Comando e l’agenzia che ha organizzato il matrimonio. Ho parlato con l’assessore Spadoni e gli ho detto che se si vogliono mettere al bando i fuochi sarebbe meglio non rilasciare le autorizzazioni. Il ritardo non è dipeso da me, non avrei avuto alcun ritorno o vantaggio, ma pure i botti delle feste patrocinate dal Comune non iniziano prima di mezzanotte”.

Al malcontento si aggrega anche Walter Liberi del Comitato Fermiamo Capitan Fracassa, che chiama in causa altri esercizi: “Venerdì sera alcuni chalet hanno proposto karaoke a volume altissimo con frastuono incontrollato generato dai dj. Sabato è andata meglio, anche per via del maltempo e dei rilievi fonometrici che un tecnico designato dalla Madrugada stava effettuando. Domenica invece nuovamente musica a tutto volume e fuochi. Se questi sono i risultati del tavolo, partiamo col piede sbagliato. Si predica bene e razzola male”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.332 volte, 1 oggi)