SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Beatrice Bengasi, studentessa della classe IV C del liceo scientifico Rosetti è stata tra le protagoniste della cerimonia conclusiva del Premio Strega Giovani edizione 2015. In una solenne cerimonia svoltasi lunedì pomeriggio nella Sala della Regina di Palazzo Montecitorio, la studentessa ha letto la sua recensione del libro vincitore del Premio Strega Giovani; si tratta dell’opera di Fabio Genovesi “Chi manda le onde”, testo più votato da una giuria composta da ragazzi e ragazze di età compresa tra i 16 ed i 18 anni di oltre quaranta scuole secondarie superiori tra cui il liceo Rosetti, unico istituto dell’ascolano a partecipare all’iniziativa. Il romanzo, con i suoi 69 voti, tra cui quello di Beatrice, è stato ritenuto il migliore tra quelli degli altri dodici concorrenti al premio Strega, i cui libri sono stati letti dagli studenti nelle scorse settimane.

La studentessa è stata quindi chiamata a leggere la propria motivazione di voto, ritenuta la migliore tra quelle relative al romanzo di Genovesi, insieme agli altri due studenti che hanno invece recensito la seconda e la terza opera premiate; immancabili le foto ed un’intervista con l’autore che sarà trasmessa su Rai 3, il 2 luglio, nella trasmissione di Concita De Gregorio (ore 23.15), in coincidenza della proclamazione del vincitore del Premio Strega indicato dalla giuria tecnica, che potrebbe non coincidere con quello scelto dagli studenti. Il romanzo di Genovesi, nato a Forte dei Marmi nel 1974, è ambientato nella sua Versilia invasa dai miliardari russi e racconta di Luna, una bambina albina, e di tanti altri personaggi alle prese con la vita ed i suoi cambiamenti; da qui le riflessioni di Beatrice Bengasi che, tra l’altro, annota: “ogni pagina di questo romanzo è un’ondata di emozioni che mi ha fatto comprendere che in realtà la piccola Luna è l’emblema dell’esistenza che caratterizza ognuno di noi.

Brancoliamo tutti nel buio di un oceano piatto e infinito che è la nostra vita, alla ricerca di correnti giuste che possano condurci a certezze e verità”. Un voto, quello espresso dalla giuria giovani, particolarmente apprezzato da Genovesi perché “i ragazzi sono senza filtro”. Alla cerimonia di premiazione, cui Beatrice è stata accompagnata dalle professoresse Adelia Micozzi (referente del progetto) e Fernanda Valeri e da altre due alunne del Rosetti, Federica Conquista (IV E) e Sara Oddis (IV H), che hanno ugualmente partecipato all’iniziativa leggendo le dodici opere concorrenti, erano presenti, tra le altre personalità, Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati, Edoardo Nesi, vincitore dell’edizione 2011 del Premio Strega e deputato, Tullio De Mauro, insigne linguista presidente della Fondazione Bellonci, organizzatrice del Premio. A Beatrice Bengasi vanno ovviamente i complimenti dell’intero liceo Rosetti ed in particolare della Dirigente Scolastica, Stefania Marini, che sottolinea il notevole valore formativo delle tante iniziative culturali cui gli studenti partecipano; un ringraziamento anche a Mimmo Minuto de La Bibliofila, grazie ai cui contatti è stato possibile conoscere il Premio strega Giovani.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 517 volte, 1 oggi)