MARTINSICURO – Prima notte in carcere per Arian Ziu, l’albanese reoconfesso dell’uccisione di Roberto Tizi, avvenuta domenica sera a Martinsicuro in via De Gama dopo una lite scoppiata tra i due nel pomeriggio in un bar in zona Tronto. L’uomo è in attesa della convalida del fermo per omicidio volontario aggravato.

I carabinieri sono in cerca di due connazionali del killer che avrebbero assistito, secondo gli inquirenti, all’esecuzione, ma che al momento si sono resi irrintracciabili.

Slitta, intanto, a giovedi l’autopsia sul corpo di Roberto Tizi. La prima ispezione cadaverica, avvenuta lunedi 8 giugno, ha evidenziato che almeno due colpi di pistola lo avrebbero raggiunto al volto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.007 volte, 1 oggi)