SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una Notte Bianca che fa già discutere e arrabbiare. “Dell’evento non si è minimamente parlato a tutte le riunioni del tavolo del turismo”, accusa il presidente di Confesercenti Turismo, Sandro Assenti. “Gli operatori li rappresentiamo noi, invece il Comune dà la città in mano a dei privati. La gente ci viene a domandare come si svolgerà la manifestazione e noi non sappiamo come rispondere, siamo stati tagliati fuori”.

Assenti precisa fin da subito di non avercela con l’associazione Spam, che curerà l’edizione 2015 dopo aver già guidato – ma con un altro nome – quella di dodici mesi fa.

“Ce l’ho con un tavolo del turismo di fatto inutile ed inconcludente. La Sorge afferma che chi avesse avuto interesse a lanciare delle idee si sarebbe potuto fare avanti, ma noi nelle sedi preposte non siamo stati minimamente coinvolti. Perché non hanno mai messo l’argomento tra i punti all’ordine del giorno? Ci interpellano sull’Expo e sui festival vegani e non sulla Notte Bianca”.

La Notte di Mezza Estate andrà in scena tra sabato 1 e domenica 2 agosto. Gli eventi proposti saranno una quarantina, supportati da 24 gruppi musicali locali divisi tra sei palchi.

Era tanto difficile mostrarci il progetto, così da consigliare, migliorare e offrire degli spunti? – continua Assenti – l’amministrazione comunale ha un modo tutto particolare di organizzare gli eventi. La verità è che il tavolo del turismo è sempre stato un luogo utile ad avallare decisioni prese a priori, vedi ticket sul lungomare, tassa di soggiorno, Piceno Pass. Mai una volta che veniamo ascoltati, come quando abbiamo chiesto di rendere gratuiti gli stalli blu sul litorale nei giorni feriali delle prime due settimane di giugno. Prendono le decisioni, poi a cose fatte ce le mettono sotto agli occhi”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.264 volte, 1 oggi)