ALBA ADRIATICA – Marco Ricci, pilota dei “Qbr -Quei Bravi Ragazzi” deceduto a seguito dello scontro aereo dello scorso 31 maggio ad Alba Adriatica, sarebbe morto per annegamento. Lo rivela l’autopsia effettuata sul corpo del pilota,  nella giornata di mercoledi 3 giugno, dal dottor Antonio Tombolini di Macerata.

Si attendono ora anche gli esiti degli esami tossicologici. L’esame autoptico ha evidenziato diversi traumi riportati da Ricci durante la collisione con l’altro velivolo guidato dal compagno di team Luigi Wilmo Franceschetti, che si è salvato dopo l’impatto grazie ad una manovra di ammaraggio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.408 volte, 1 oggi)