SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Esattamente un mese fa era stata comunicata notizia della ritinteggiatura di due edifici di proprietà comunale situati nei giardini di viale Padre Olindo Pasqualetti. Ovvero della “casa del giardiniere”, l’edificio adibito a rimessa di mezzi comunali utili al servizio parchi e giardini, e dei bagni pubblici. La ritinteggiatura era stata necessaria per restituire decoro alla zona del centro cittadino.

Purtroppo dopo solamente un mese, gli edifici sono di nuovo vittime dei murales. All’esterno dei bagni pubblici sono comparse scritte e graffiti. Alla “casa del giardiniere” qualche graffito appare sulle finestre.

Il centro rimane “terra fertile” per i murales. Gli stessi giochi per i bambini, le panchine, le mura circostanti sono piene di graffiti. Per non parlare della zona ferroviaria e dell’ex cinema “Delle Palme”.

Il sistema di videosorveglianza pare che non scoraggi i ragazzi nell’imbrattare qualsiasi tipo di oggetto o edificio. Un fenomeno che non aiuta nella promozione turistica della città di San Benedetto del Tronto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.065 volte, 1 oggi)