SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Storica società sportiva rivierasca, la Sambenedettese Volley è nata nel 1978 e, se si eccettuano i periodi nei quali ha dovuto rendere omaggio agli sponsor, ha sempre portato un nome che ne sottolinea l’appartenenza ai colori rossoblu.

Si tratta di alcune delle stagioni in cui la Riviera Samb ha militato nella Serie B Nazionale: “Con la squadra maschile siamo stati in Serie B diverse volte, di cui una negli anni Novanta, quando l’atleta di punta era Andrea Raffaelli – ora noto giocatore e allenatore di beach volley – e a capo del gruppo dirigenziale c’era suo padre Carlo Raffaelli” ricorda Mario Bianconi, membro dell’organico dal 1995 e ora Presidente della Riviera Samb.

Dal 2007 al 2011, la prima squadra maschile della Riviera Samb Volley ha disputato, sotto la guida tecnica di Alessandro Brutti e Massimo Ciabattoni, quattro Campionati nazionali tra Serie B1 e B2, girando l’Italia e mantenendo alto il livello di gioco, ma nel 2011 arriva la decisione di ripartire dal settore giovanile: “A determinare questa scelta sono state principalmente ragioni economiche, perché una squadra di Serie B, soprattutto se maschile, ha dei costi elevati – spiega il Presidente – Oltre alla gestione della palestra, che rappresenta la spesa maggiore, e all’organizzazione delle trasferte, bisogna comprare giocatori in tutta Italia, non essendo sufficienti quelli del nostro vivaio, mentre in ambito giovanile è più facile fare a meno di cercare altrove e dare vita un gruppo che vada avanti con le proprie forze; e creare una bella formazione, che abbia al suo interno elementi validi, è ancor più semplice nel settore femminile, essendo la pallavolo uno sport a cui le ragazze vengono spesso indirizzate e uno di quelli consigliati dai fisiatri per l’età dello sviluppo”.

La squadra di punta della Riviera Samb Volley è attualmente la Serie D Regionale femminile, composta da ragazze ancora giovani e con notevoli margini di miglioramento; la Serie D maschile, invece, costruita nel 2013, è diventata Prima Divisione, con l’augurio di crescere, progredire e puntare in alto, se ce n’è la possibilità. Oltre a queste due formazioni, la Riviera Samb Volley, nella stagione 2014/2015, ha potuto contare su under 17 maschile, Seconda Divisione femminile, under 16 femminile, under 15 maschile, under 14 e under 13 sia maschili che femminili, per un totale di 15 Campionati giocati, alcuni dei quali ancora in corso e in cui non sono mancati i risultati e le soddisfazioni: buoni piazzamenti provinciali, finali regionali centrate, play off raggiunti, atleti convocati per il Trofeo delle Province (Marco Gaetani, Samuele Ignazi e Chiara D’Ercoli) o inseriti nel giro delle selezioni regionali (Silvia Pierantozzi). Da ricordare sono inoltre i bambini del Minivolley, che non giocano veri e propri Campionati, ma partecipano ai Tornei 3×3 organizzati dalla Federazione. La Riviera Samb Volley è infatti Scuola Federale di pallavolo e, con l’obiettivo di promuovere lo sport e la pallavolo, ha intrapreso dei progetti anche con le scuole elementari e medie: “Alle Scuole Elementari Moretti, da ottobre a dicembre, abbiamo svolto un lavoro di preparazione e avviamento all’attività fisica e, inevitabilmente, al volley; inoltre, collaboriamo con le Scuole Medie Curzi, la cui palestra ci è stata concessa dal Comune per farne la sede degli allenamenti” – dice Mario Bianconi. Lo staff tecnico della Riviera Samb Volley è composto da: Maurizio Medico, allenatore della Serie D femminile e tecnico principale di tutto il settore, affiancato da Francesco Quercia e Marco Sbernini; Marco Mattioli, allenatore della Prima Divisione maschile e coadiuvato da Davide Chiappini, responsabile dell’area dedicata ai ragazzi.

La Riviera Samb Volley rappresenta ormai una realtà consolidata della pallavolo marchigiana, con i suoi copiosi iscritti – circa 180, tanto da essere costretti, in alcuni casi, a creare un gruppo A e un gruppo B per ciascuna categoria – e gli ottimi obiettivi sportivi finora raggiunti al livello provinciale, regionale e nazionale, sia con la categoria giovanile che con quella professionistica. Sin dagli albori, il settore maschile è stato quello su cui la società sambenedettese ha puntato di più, salvo poi cedere al passo alla superiorità numerica delle ragazze, che costituiscono il 70% degli iscritti, e alla maggiore possibilità di avere a disposizione atlete locali: “Fino ai 18 anni i giocatori vengono accorpati in base alla fascia d’età, ma bastano tre o quattro elementi forti per pensare di formare già una squadra di Serie C. Questo accade più frequentemente nel volley rosa, mentre in ambito maschile è più difficile, perché non sono tanti i ragazzi che vengono avviati alla pallavolo, soprattutto in una cittadina come la nostra; da qui, la necessità di reperire giocatori da altre parti d’Italia” – ribadisce Mario Bianconi, il quale puntualizza come, tra gli attuali obiettivi della Riviera Samb Volley, ci sia proprio quello di forgiare e sostenere dei gruppi competitivi interamente composti da pallavolisti di San Benedetto del Tronto e dintorni – “E’ un po’ quello che succede al livello nazionale, quando arriva il momento di convocare i prescelti per indossare la maglia azzurra e ci si accorge che la maggior parte degli atleti che gioca in Italia proviene dall’estero”.

La stagione agonistica 2014/2015 è quasi giunta al termine, ma non vanno dimenticati i numerosi e frequenti eventi in programma e le attività estive: il beach volley alla Beach Arena e i campi a Cossignano e Roccaporena dalla metà di luglio fino al 2 agosto. Come sempre, la Riviera Samb Volley metterà in campo il lavoro svolto con passione e dedizione, consapevole delle proprie potenzialità e della filosofia che la accompagna, volta a promuovere la pallavolo e coinvolgere nella bellezza e nella magia di questo sport quanti più bambini e adolescenti possibili, tutti uniti in un unico grido: come direbbe il mitico Andrea Lucchetta, “Spike it forever!”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 679 volte, 1 oggi)