GROTTAMMARE – “Il bilancio di Grottammare è solido e pronto a resistere per il futuro”. È questa la dichiarazione del sindaco Piergallini e del vicesindaco Rocchi a seguito dell’approvazione del rendiconto di bilancio avvenuta il 30 aprile.

“Il rendiconto approvato dimostra che i nostri conti godono di ottima salute: abbiamo chiuso l’esercizio con un avanzo di oltre 3.200.000 euro e con una situazione di cassa positiva per quasi 2 milioni di euro . Nonostante la crisi, dunque, l’attenzione millimetrica alle spese e una politica estremamente prudente nella gestione dei conti ci hanno consentito di raggiungere questo risultato estremamente positivo” dichiara il primo cittadino.

Tra i dati che sintetizzano in maniera efficace alcune scelte compiute dal bilancio si segnala la riduzione delle spese del personale rispetto al 2013 di circa 350 mila euro che si aggiunge a quella già effettuata l’anno precedente. “Siamo riusciti a coniugare la necessità della spending review con il raggiungimento di un obiettivo storico per il nostro comune: da quest’anno il nostro  bilancio non utilizza più gli incassi straordinari derivanti dagli oneri di urbanizzazione per finanziare la parte corrente. Una scelta che conferisce maggiore stabilità ai nostri conti” affermano dall’amministrazione comunale grottammarese. Scende inoltre l’indebitamento che si riduce di 464 mila euro.

“Ci  prepariamo da 2 anni per presentarci pronti all’appuntamento del 2015, al cambio storico della contabilità degli enti pubblici che sta dando molte difficoltà a tanti comuni italiani. La resistenza del nostro bilancio è emersa anche qui, poiché supererà senza problemi questa prova” ha commentato il sindaco Piergallini. Infatti da quest’anno per obbligo di legge la contabilità dei  comuni italiani dovrà rispettare il cosiddetto principio di cassa ed iscrivere in bilancio alcune poste solo nel momento dell’effettivo incasso. “Per allinearci alla nuova contabilità abbiamo cancellato in via straordinaria tutti  i residui attivi e passivi fino al 2009 compreso. Così facendo abbiamo reso il bilancio più snello e più sicuro”  hanno rilevato dall’amministrazione.

Con la delibera di Giunta sempre del 30 aprile è stato, infatti, approvato il riaccertamento straordinario dei residui che si chiude con un avanzo di amministrazione al primo gennaio 2015 di euro 1.285.536.

“Questo risultato positivo è una pietra sulla quale possiamo costruire la pianificazione dei prossimi anni. Il nuovo regime contabile infatti impone di creare un fondo svalutazione crediti rapportato ai residui degli anni precedenti. Riusciremo a garantire al nostro bilancio questo paracadute di sicurezza con uno sforzo molto sostenibile, impegnando cioè soltanto lo 0,2% delle nostre spese correnti” ha concluso il sindaco Piergallini.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 337 volte, 1 oggi)