FULOP 4: è il primo a non essere esente da colpe. Porge la guancia, prende 4 sberle e non fa nulla per evitarle;

BOTTICINI 4.5: l’ errore che commette sulla terza rete del Chieti è limpido come il mar dei Caraibi;

PEPE 4.5: abulico, irresoluto, svogliato;

BORGHETTI 4.5: da trascinatore e dispensatore di stimoli si è ormai trasformato in un inerme spettatore che assiste privo di sprint al tragico declino della sua squadra;

FRANCO 4.5: apre le danze del tracollo rossoblu permettendo ad Orlando di servire un indisturbato Broso;

CARTERI 5: milita in maniera talvolta inebetita nel viavai di maglie nervoverdi;

BALDININI 5.5: prova a spingere sull’ accelleratore ma i suoi tentativi non trovano un felice riscontro;

D’ ANGELO 5: guadagna un rigore ma il suo contributo ha il peso di una goccia in un oceano;

NAPOLANO 5.5: è l’ unico che prova a fare veramente qualcosa nel corso della ripresa ma le sue energie si dissolvono nel vuoto;

TOZZI BORSOI 5.5: segna ma è come se non lo avesse fatto, gol che non produce esultanza;

EMILI 6: nonostante l’esordio e il clima di tensione sostituisce degnamente Lobosco senza farlo rimpiangere;

VITI 6: prende il posto di Botticini e compie il suo dovere fornendo a Tozzi Borsoi l’ assist del 2-4.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 602 volte, 1 oggi)