SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Esco di casa e la locandina di un edicola mi dà il buongiorno con la scritta “Incidente e proteste in via Marsala”, vado al bar e incuriosito mi fermo a leggere le pagine locali: “Residenti inferociti in via Marsala“, il titolo dell’articolo. Che sarà successo?, mi domando mentre mi accingo a leggere.  Anche perché attraversando via Marsala non avevo visto né ‘lupi’ né ‘leoni’ ma solo una strada molto scorrevole.

L’incidente riguarda un uomo in bicicletta che, venendo contromano e passando sul tratto di strada accanto al marciapiede di circa un metro, delimitato da una linea bianca, era stato investito da un auto. Insomma c’era effettivamente stato ma per irregolarità umana e non per colpa del senso unico.

Detto questo e ricordato che l’assessore Spadoni aveva dichiarato che, dopo un periodo di prova, decideremo la soluzione migliore, qualcosa da rivedere, secondo me, c’è.

Per esempio il tratto di strada dove è successo l’incidente può essere scambiato per una pista ciclabile. Non lo è perché manca la segnaletica appropriata ma, se lo fosse (errare è umano), il doppio senso sarebbe possibile. Anche a me è venuto il dubbio che il senso unico non riguardava le biciclette. Ho letto anche che “I parcheggi a spina di pesce sono pericolosi, sarebbe preferibile farli orizzontali“, “Adesso si corre di più e quindi i pericoli aumentano“.

A me non sembra così anche perché, da quello che mi è stato detto, la scelta di parcheggi a spina di pesce, volutamente a zig zag, è stata fatta proprio per limitare la velocità. In effetti è così. Con qualche piccola modifica che secondo me è necessaria (per esempio rendere più chiaro il motivo per cui esiste lo spazio a fianco del marciapiede di sinistra ma anche i parcheggi orizzontali che permetterebbero una vera pista ciclabile, perchè no?) la strada non solo sarà a norma (prima non lo era) ma garantirà sicurezza senza penalizzare i commercianti perché prima molti erano gli automobilisti che preferivano, se non costretti, a non passarci proprio in via Marsala. In ambo i sensi.

Ma c’è un altro fatto importantissimo: quante strade sambenedettesi sono a doppio senso oltre alla statale 16 e a quelle larghissime tipo via Manzoni e via Voltattorni? Provate a contarle. Un motivo ci sarà.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.301 volte, 1 oggi)