SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Alle 21.20 del 19 marzo la Sala Operativa della Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto è stata attivata per dare assistenza ad un marittimo (V.I.G., 54enne) colpito da malore a bordo di un peschereccio facente base nel porto cittadino.

Alla ricezione della richiesta di soccorso i militari della Capitaneria di Porto hanno allertato il 118 che provvedeva ad inviare in porto un’equipe medica per il successivo imbarco sulla motovedetta SAR CP 843. Al contempo, attraverso la radio costiera di San Benedetto del Tronto, avveniva il contatto tra il motopesca e il Centro Internazionale Radio Medico per consentire le prime verifiche del caso in attesa dell’arrivo della motovedetta.

Dopo circa 50 minuti dall’allertamento, la motovedetta CP 843 intercettava il motopesca e provvedeva a trasportare a bordo il personale del 118. L’equipe medica somministrava le prime cure e provvedeva a trasferire il marittimo a bordo della motovedetta che procedeva per il rientro in porto.

Giunto in banchina il marittimo veniva trasferito, tramite autoambulanza, presso l’Ospedale Civile di San Benedetto del Tronto.

Il Comandante Sergio Lo Presti ha espresso soddisfazione per il livello di coordinamento raggiunto, anche sulla scorta di un’apposita convenzione oramai in atto da anni col 118 che ha consentito di prestare assistenza medica in modo rapido ed efficace.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 877 volte, 1 oggi)