SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Rocambolesco episodio accaduto in un’abitazione di via Montagna dei Fiori.

Il 12 marzo una ragazza, 20enne di San Benedetto, aveva rubato un mazzo di chiavi appartenente a una signora che involontariamente aveva lasciato attaccato alla porta. Il 14 marzo la 20enne ha prima suonato all’appartamento della signora per accertarsi che non ci fosse, penetrando poi all’interno con le chiavi trafugate.

Non si era resa conto però che al piano di sopra abitava il figlio della signora che è rimasto insospettito dallo scampanellio, sapendo che la madre non era presente. Ha deciso così di chiamare la madre al telefono e la Polizia. I militari sono accorsi nella palazzina e hanno cominciato a perlustrare l’appartamento, trovando la ragazza nascosta sotto il letto della signora. Poco dopo è arrivata anche la proprietaria dell’appartamento e si è proceduto a verificare cosa era stato rubato.

All’appello mancavano un portafogli della signora, trovato poi sotto al cuscino, e una cinquantina di euro trovati addosso alla ragazza e restituiti immediatamente. Nel frattempo alla 20enne sono stati trovati anche quattro flaconi di metadone e un paio di siringhe. E’ stata eseguita una perquisizione allo scooter della ragazza e sono stati trovati quindici mazzi di chiavi trafugati ad altre persone. La Polizia ha voluto lanciare un appello, a chi nell’ultimo periodo ha subito un furto o la perdita di chiavi, di recarsi in commissariato per verificare un eventuale ritrovamento tra i mazzi rinvenuti alla sambenedettese.

La 20enne è stata arrestata per furto e ricettazione. Inoltre è stata segnalata alla Prefettura di Ascoli per aver assunto sostanze stupefacenti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 4.610 volte, 1 oggi)