RIPATRANSONE – Riportiamo e pubblichiamo un comunicato, giunto in redazione, da parte della Croce Azzurra di Ripatransone e Cossignano:

“Nel 2014 la Croce Azzurra di Ripatransone e Cossignano ha attraversato un periodo di criticità soprattutto per mancanza di volontari attivi e per diminuzione della liquidità. I dipendenti si sono dovuti sobbarcare l’onere di coprire tutti i turni lasciati scoperti dai volontari vacanti, accumulando quindi sempre più ore di lavoro che andavano a pesare sul già esiguo budget dell’associazione. Per cercare di interrompere questo nocivo circolo vizioso, l’assemblea degli iscritti, nel mese di novembre decise di indire assemblee pubbliche e campagne promozionale in tutte le chiese per cercare di sensibilizzare la popolazione e comunicare l’effettiva difficoltà dell’Associazione che si trovava davanti alla triste possibilità di una chiusura definitiva.

I cittadini dei due centri collinari hanno risposto in maniera parziale. A fronte di centinaia di moduli distribuiti, ne sono stati riconsegnati circa una dozzina. Se a ciò si aggiunge un consiglio direttivo scoraggiato e in gran parte da qualche tempo assente, facilmente si evince la difficile situazione in cui verteva la Croce Azzurra a fine anno 2014.

Nonostante tutto, nelle prime settimane del 2015, un nuovo Consiglio di Amministrazione si è ricostituito, accettando le dimissioni di chi non poteva più aiutare l’associazione e inserendo volontari più motivati. E’ con questo nuovo gruppo che la Croce Azzurra riparte con convinzione e arriverà fino all’Assemblea Ordinaria in cui tutto il Consiglio di Amministrazione sarà nuovamente votato dagli iscritti.

A testimonianza del rinato entusiasmo sono stati già programmati il primo di una lunga serie di corsi di rianimazione per adulti BLS-D (Basic Life Support and Defibrillation) certificati Irc (Italin Resuscitation Council) per incrementare la formazione dei propri volontari (vecchi e nuovi), Grazie alla collaborazione del centro di formazione Gfe di San Benedetto del Tronto che fornisce direttori e istruttori Irc i corsi si terranno in sede evitando così ai volontari di dover affrontare scomode trasferte per la formazione.

A questi corsi seguiranno corsi di rianimazione pediatrica PBLS-D e corsi di gestione del trauma Ptc tutti con istruttori e certificazioni Irc come obbligatoriamente richiesto dalla circolare Anpas del marzo 2014. Data la necessità di formazione continua e di adeguati mezzi per metterla in atto e data l’obbligatorietà imposta dall’Anpas al medico sociale di certificare l’effettiva formazione teorica e pratica dei propri volontari, si è chiesto alla Banca di Credito Cooperativo di Ripatransone, da sempre affianco all’Associazione e alla cittadinanza, un altro sforzo economico per l’acquisto di manichini e defibrillatori per esercitazioni.

A metà aprile partirà, inoltre, un corso di Primo Soccorso aperto alla cittadinanza che si avvalerà del contributo dei responsabili delle varie Unità Operative dell’Area Vasta 5.

In conclusione la Croce Azzurra di Ripatransone e Cossignano c’è e vuole continuare a essere presente nella vita della cittadinanza, ma ha ancora un forte bisogno dell’aiuto della popolazione per aumentare il gruppo di volontari attivi tuttora troppo risicato. Una piccola parte del proprio tempo libero dedicato all’associazione farà sì che la Croce Azzurra abbia ancora lunga vita”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 283 volte, 1 oggi)