SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Federpesca ha reso noto che la nave da pesca Idra Q. è custodita sotto sequestro dalle autorità del Gambia per una presunta violazione nella dimensione delle maglie della rete. E’ successo nel pomeriggio del 2 marzo.

Sono stati arrestati il sambenedettese Massimo Liberati (direttore di macchina) e il capitano Sandro De Simone, originario di Silvi. I due si trovano ora nella città di Banjul. Gli altri uomini dell’equipaggio, circa una trentina di persone, sono stati lasciati a bordo dell’imbarcazione. Sulla nave è presente un altro italiano, il nostromo Vincenzino Mora di Torano.

La nave è iscritta a Mazara del Vallo ma è armata da una ditta di Martinsicuro. Il presidente di Federpesca Luigi Giannini ha dichiarato: “Solo l’intervento urgente del Ministro Martina e del Ministro Gentiloni può scongiurare un esito pesantissimo e sproporzionato, visto che le reti considerate oggetto di misurazione non erano quelle in uso all’atto del fermo dell’unità”. Si attendono sviluppi da questa incresciosa vicenda.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.178 volte, 1 oggi)