SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La giunta ha approvato giovedì la delibera che dà il via libera al protocollo d’intesa tra Comune di San Benedetto, il Gruppo di Umana Solidarietà e la onlus Ora et Labora.

L’accordo porterà l’ente ad impegnare 36 mila euro per l’accoglienza di clochard in una struttura situata in zona Sacramentini capace di ospitare 20 posti letto.

La notizia è stata data durante il Consiglio Comunale di giovedì, in occasione dell’ordine del giorno presentato da Domenico Pellei. L’esponente centrista chiedeva al Comune di lanciare un progetto di assistenza per i senza tetto.

L’iniziativa prevedeva in un senso l’allestimento di un centro di accoglienza notturno presso le scuole di Via Petrarca e Via dei Lauri (inserite nel piano di alienazione degli immobili), nei mesi compresi tra ottobre ed aprile. Per quanto riguardava il medio-lungo termine, invece, la proposta consisteva nella promozione del progetto di “Housing First“, nuovo modello di intervento sociale che garantisce alle persone senza dimora l’accesso ad un’abitazione stabile ed arredata.

L’odg è stato accolto, ma solo dopo diverse modifiche al testo e l’impegno di approfondire e monitorare la questione nelle sedute della Commissione dei Servizi Sociali.

Durante il dibattito, l’ex assessore alle Politiche Sociali Loredana Emili ha criticato l’amministrazione: “Sul fronte della casa non siamo riusciti a dare risposte. La crisi profonda c’è. Non voglio essere polemica, ma bisogna rispondere con forza a questo problema. Oltre ai fondi di solidarietà non è stato fatto niente, non c’è stata nessuna risposta concreta”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 443 volte, 1 oggi)