SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il consigliere Domenico Pellei proporrà al Consiglio Comunale di giovedì  un progetto per assistere sul breve e medio termine i senza tetto della città.

L’esponente dell’Udc presenterà questo progetto con un ordine del giorno. L’iniziativa è divisa in due parti, e prevede per il sostegno a breve termine dei senza tetto l’allestimento di un centro di accoglienza notturna in grado di accogliere 15-20 persone.

Si tratta di un progetto a basso costo, operativo solo tra i mesi di ottobre ed aprile, i più rigidi dell’anno, e situato nella scuola di via Petrarca o in quella di via dei Lauri, poichè questi stabili hanno i requisiti tecnici e strutturali adatti allo scopo.

La gestione del centro sarebbe affidata alle associazioni per il sociale e\o a sfondo religioso.

Per quanto riguarda il medio-lungo termine, invece, la proposta prevede l’avvio, contemporaneamente alla prima iniziativa, di un progetto di “Housing First“, ovvero di un nuovo modello di intervento sociale che garantisce alle persone senza dimora l’accesso ad un’abitazione stabile ed arredata. Questo intervento verrà accompagnato, tramite le associazioni private del sociale, dal coinvolgimento e dalla responsabilizzazione dei soggetti interessati al fine di completare il reinserimento sociale.

Tra gli immobili che potranno essere individuati a tale uso ci sono l’Ex Mattatoio, la scuola di via Leopardi ed altri stabili inattivi di proprietà comunale.

Il modello “Housing First” sta prendendo piede in Europa con risultati positivi, e l’ambito di intervento sarà focalizzato su soggetti come persone senza dimora con piccoli lavori temporanei, immigrati, padri separati o famiglie con gravi difficoltà a mantenere la casa. La proposta, nel caso fosse accolta, cercherà di ottenere i finanziamenti del Fondo Europeo per l’Integrazione dei cittadini terzi.

Per Pellei la proposta è un tentativo di creare un piano sociale per il 2015 che “non sia una copia di quello del 2014, con tanto di tagli del 6%”, e potrà essere realizzata con una ipotetica spesa di circa 20 mila euro.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 337 volte, 1 oggi)