SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La diffida della Skidata non turba il sindaco Gaspari. E’ arrivata martedì in Municipio la lettera dell’azienda (che vanta crediti di quasi 200 mila euro nell’ambito dei lavori relativi al Riviera delle Palme) nella quale annuncia l’ipotesi di impugnare gli atti relativi alla nuova convenzione stilata tra Comune e Decasol per l’affidamento dell’impianto fotovoltaico dello stadio.

Non abbiamo mai avuto alcun rapporto con la Skidata”, replica con freddezza il primo cittadino. “Non siamo tra i destinatari della missiva e non capisco il perché. Se hanno delle questioni aperte, le risolvano con chi gli ha commissionato i lavori. Non c’è nessun tipo di collegamento che ci lega a questo evento”.

Contemporaneamente, la dirigente comunale Renata Brancadori ha spedito un comunicato di replica alla ditta, ribadendo il concetto del sindaco. “Preso atto della vostra nota, comunico che non è mai intercorso alcun rapporto tra la Rdp Srl e questo ente. Pertanto ogni vostra richiesta deve essere rivolta esclusivamente alla società debitrice”.

Gaspari ebbe già modo di esprimere il suo guidizio sulla vicenda. “Io faccio il sindaco, il giudice fa il giudice, un avvocato di parte fa l’avvocato di parte”, dichiarò nel corso della conferenza stampa annuale della giunta. “Ciascuno di noi ha il suo ruolo. I rapporti sono tra chi ha fatto la transazione e chi ha fatto la prestazione d’opera. Noi non abbiamo fatto nessuna transazione, sia chiaro.”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.563 volte, 1 oggi)