FERMO – Dal 2008 al 2014, trainato dai bonus fiscali, il settore delle ristrutturazioni edilizie  è cresciuto in Italia del 18,5%, con un trend che si stima ancora positivo per il 2015 (+2%). Nelle Marche gli interventi di recupero e riqualificazione energetica degli edifici nell’ultimo biennio – dati Cna Costruzioni Marche – sono “volati” di oltre il 40%, con oltre 45 mila domande presentate per una spesa di quasi 1 miliardo di euro l’anno (pari al 60% dei lavori edili).  Il mercato a livello regionale mostra un grande potenziale, se si considera che il 70% degli edifici ha più di quarant’anni e il 20% versa in cattivo stato di manutenzione. Il settore “Casa” si dimostra ancora in grado di generare un notevole indotto sull’economia del territorio, contrastando il periodo di crisi generale del comparto edilizio e con ricadute positive anche dal punto di vista occupazionale (nel Paese 291 mila posti in più solo nel 2014). Segno di un mercato che cambia, nel quale sono sempre più i privati a spendere e ad entrare nelle decisioni per la scelta delle migliori soluzioni, tecnologie e materiali dell’abitare o, meglio, del “ri-abitare” la propria casa, in modo più razionale e sostenibile.

Si propone proprio di intercettare questa inversione di tendenza “Riabita 2015”, il Salone dell’Abitare, in programma il 6, 7 e 8 novembre prossimi, per la prima volta presso il Fermo Forum, con l’organizzazione della “Service Promotion” e il patrocinio della Regione Marche.

Un contesto espositivo, ideato e organizzato da professionisti del settore,  all’insegna dello slogan “Il futuro si affronta innovando”, che si propone quale vetrina per esplorare in anteprima materiali, tecniche, tecnologie e idee innovative per la costruzione, la ristrutturazione e la riqualificazione a basso impatto ambientale degli edifici, impianti, infissi, finiture d’interni, arredamento interni e da giardino. Ripensa, ristruttura e riqualifica sono le parole d’ordine di Riabita 2015, per riconsiderare il patrimonio esistente con nuove funzioni e destinazioni d’uso, all’insegna  della bioedilizia, di soluzioni intelligenti per la progettazione e il risparmio energetico, per l’isolamento termico e acustico degli edifici, senza trascurare l’aspetto della sicurezza. Nella tre giorni dell’esposizione il quartiere fieristico sarà, inoltre, animato da eventi, momenti informativi e workshop per privati, aziende e progettisti. Novità assoluta dell’edizione sarà il Premio Riabita: un concorso strutturato in tre sezioni, dedicate rispettivamente alle imprese di costruzione, ai giovani architetti e designer e alle Amministrazioni comunali che si sono distinte in progetti di pianificazione strategica e rigenerazione urbana.

Ad illustrare in dettaglio l’iniziativa interverranno in conferenza stampa il 4 febbraio, alle ore 11.30, presso il Centro Fieristico Fermo Forum: Luca Crescenzi (Service Promotion), Giampiero Properzi (Fermo Forum) e Stefano Cianciotta, docente universitario ed esperto di temi economici.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 186 volte, 1 oggi)