SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Oltre 400 dipendenti in un Comune di 48 mila abitanti sono troppi. Non danno la qualità e i servizi che dovrebbero dare”. La denuncia non arriva da un cittadino qualsiasi, bensì dall’assessore al Bilancio Fabio Urbinati, intervenuto martedì sera alla cena del Rotary.

Urbinati ha raccolto le obiezioni dei presenti, facendo sue molte delle contestazioni espresse. In effetti, i numeri dell’ente sambenedettese, se confrontati con i Comuni limitrofi, appaiono esorbitanti. A Grottammare, ad esempio, i dipendenti sono in tutto 122 per 16 mila abitanti, con quelli impiegati a tempo pieno che non toccano le 100 unità. Molti servizi risultano tuttavia internalizzati, come la farmacia comunale o le ludoteche, che sono gestite da dipendenti comunali. A Monteprandone (13 mila residenti) ci sono appena 36 dipendenti.

L’assessore ha inoltre dato ragione ai rotariani che lamentavano le rendite catastali più alte delle Marche in alcune vie cittadine. Decisa invece la difesa sull’Imu: “La pressione fiscale sulla casa ed altri settori è troppo alta, ma noi abbiamo fatto la scelta di tutelare le fasce più deboli e le categorie meno privilegiate. L’aliquota sulla prima casa è identica agli altri comuni marchigiani, San Benedetto non è la città in cui è più elevata. A differenza di Ascoli non abbiamo applicato la Tasi sulle seconde case e le attività produttive, sarebbe stato inaccettabile”.

In ambito turistico, sono stati analizzati i dati estivi di Senigallia, a sorpresa superiori rispetto a quelli della Riviera delle Palme. “Non drammatizzerei il fatto che Senigallia ci ha superato”, ha proseguito Urbinati. “Non dobbiamo contrapporci ad un’altra località delle Marche. Sono più preoccupato di quello che accade in Croazia”. E a chi gli faceva notare l’assenza di un grande evento catalizzatore, l’assessore ha replicato con sicurezza: “Abbiamo una delle feste più antiche del territorio e dell’Adriatico: la festa della Madonna della Marina. E’ quello il nostro grande evento, da rivalutare e proiettare verso il futuro”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.462 volte, 1 oggi)