SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il giro di boa è in procinto di compiersi. La Samb, sei punti lontana dalla capolista, torna a cimentarsi contro l’Olympia Agnonese che, nonostante l’ultima posizione in classifica, ha dato dimostrazione di poter mettere  in seria difficoltà la compagine rossoblu nel girone di andata.

Le travolgenti reti di Gesuele e Di Lullo inflissero un indimenticabile brivido ai 250 spettatori giunti dalla Riviera ma, al contempo, misero in luce il forte potenziale del loro avversario che, in soli 6 minuti, riuscì a recuperare una situazione apparentemente insanabile. A commentare l’imminente gara non poteva che essere Filippo Baldinini, autore in quell’occasione di due preziosissime reti che, aggiunte a quella di capitan Gigi Borghetti, regalarono alla squadra il pareggio: “Il percorso è ancora lungo e non possiamo permetterci di inciampare – ha dichiarato – Abbiamo le potenzialità per vincere tutte le partite e questo anche grazie ai tifosi che costituiscono un’arma in più. Loro, sia in casa che in trasferta, ci condurranno alla vittoria del campionato e sono sicuro di quello che dico”.

Il centrocampista non teme l’importanza delle sue affermazioni e prosegue: “Il sostegno che abbiamo ovviamente non basta ed è proprio per questo che dobbiamo continuare a lavorare con costanza allenandoci come stiamo facendo. Adesso i tasselli sono tutti al loro posto e questo perché siamo dotati dell’equilibrio di cui avevamo bisogno. Non voglio giudicare duramente ciò che è accaduto nei mesi precedenti ma posso sicuramente dire che noi tutti ci siamo messi in discussione e questo ha sicuramente contribuito. Abbiamo una rosa superiore a tutte le altre e non trovo motivi affinché io possa sostenere il contrario”.

In merito all’incontro di domenica il giocatore ha un quadro piuttosto chiaro della situazione che andrà ad affrontare insieme ai suoi compagni: “Sarà una gara insidiosa e siamo convinti che l’avversario farà di tutto per chiudere ogni spazio. Tenendo conto di questo aspetto dobbiamo fare in modo di non innervosirci e di chiudere la partita il prima possibile. Se questo non avverrà sarà necessario mantenere la giusta lucidità e non avere fretta perché, il più delle volte, le gare si vincono anche durante il secondo tempo. L’importante è fare risultato e nulla di più

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 721 volte, 1 oggi)