SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Gli uomini del Commissariato di Polizia di San Benedetto stanno lavorando a pieno regime per risalire ai due criminali in fuga dopo l’inseguimento da Grottammare a Centobuchi nella serata del 5 gennaio.

Proseguono le ricerche lungo il territorio di Centobuchi e tutta la Provincia di Ascoli. Anche parte del Teramano viene perlustrato dai poliziotti. Non si esclude nessuna ipotesi, dalla possibilità che si siano rifugiati in qualche casolare oppure anche l’esistenza di un basista che possa aver dato rifugio ai due criminali. La speranza è di poterli identificare a breve.

Nel frattempo il fermato subito dopo l’inseguimento e la sparatoria si trova ancora in ospedale. Gli agenti stanno aspettando che le sue condizioni migliorino per interrogarlo nuovamente. Il carabiniere ferito non è in pericolo di vita, come già segnalato nella notte del fattaccio.

Nella Bmw, rubata dagli albanesi a Roma il 31 dicembre, pare essere rinvenuta merce trafugata da appartamenti di Grottammare e dintorni. Gli inquirenti sono al lavoro anche per chiarire quest’aspetto.

AGGIORNAMENTO Nella giornata dell’8 gennaio l’albanese ricoverato in ospedale è stato dimesso e condotto nel carcere di Marino del Tronto, dove sarà nuovamente interrogato dagli inquirenti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.755 volte, 1 oggi)