SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Il protocollo d’intesa col Comune di San Benedetto prevede la concessione alla Provincia dell’immobile in comodato d’uso gratuito. A quel punto investiremo per ammodernare la struttura e la daremo all’Alberghiero”. Paolo D’Erasmo conferma l’intervento di allargamento dell’Istituto con l’utilizzo e la ristrutturazione della sede dello Ial.

“La ritengo una delle priorità per il 2015 – prosegue il presidente della Provincia – non ci sono problemi per quel che riguarda il reperimento del denaro”. L’immobile appartiene tuttora al Demanio. Da oltre un anno il Comune ha inoltrato la domanda di acquisizione, senza però aver ottenuto ancora risposta.

Il preside Alfonso Sgattoni mostra prudente ottimismo: “Una buona notizia in prospettiva, ma sin da ora si cominci a programmare. L’edificio è vicino, una situazione ottimale per noi. I laboratori di cucina e Sala sono qui e non possiamo allontanarci troppo”.

Ad oggi, l’Istituto di Piazza Sciocchetti accoglie trentanove aule per trentanove classi. Nel 2014-2015 i nuovi iscritti sono stati circa 250 sugli oltre 900 studenti complessivi.

La situazione più delicata si riscontra nel biennio, con addirittura dieci sezioni (si arriva fino alla lettera L), per calare a partire dal terzo anno. “Siamo una realtà in espansione – dice Sgattoni – offriamo una opportunità concreta di lavoro. La città è giusto che tenga a questo tipo di indirizzo. Le potenzialità sono molteplici, le famiglie spingono i figli a iscriversi”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 351 volte, 1 oggi)