MONETI: “Finora abbiamo fatto meno di quel che ci aspettavamo. Ora abbiamo messo a posto la squadra, si può e si deve far meglio, e tocca ai giocatori. Non è stata la nostra migliore partita, ma è anche vero che loro sono un’ottima squadra – che non merita questa classifica. Complimenti a loro per la prestazione, per noi oggi l’importante era vincere e l’ha fatto. Un altro aspetto positivo è che la squadra ha saputo reagire; non siamo ancora al massimo della forma, ma stiamo crescendo e possiamo recuperare i punti che ci mancano”

BUCCI: “Abbiamo fatto quel che dovevamo, l’importante era portare a casa i tre punti. Questa vittoria ci dà autostima, fiducia, consapevolezza, e abbiamo recuperato qualche punto sulla concorrenza. Abbiamo fatto una partita intelligente, con la calma giusta. Abbiamo aspettato e reagito al momento giusto. Abbiano sofferto all’inizio perché controvento, poi abbiamo recuperato e vinto con un bel gol. Va dato atto a Tozzi Borsoi per il suo super gol, ma oggi hanno fatto bene tutti: gruppo, squadra, allenatore. Dobbiamo fare un passo alla volta, lavorare settimana dopo settimana, e vedere dove arrivare. In questo girone di andata potevamo fare di più, abbiamo perso tanti punti, ma alla fine siamo abbastanza vicini alla vetta”.

PAOLUCCI: “Tre punti importanti. Abbiamo giocato tutto il primo tempo controvento (e nel secondo il vento è sceso), in un campo difficile, contro avversari che avevano bisogno di punti. Siamo andati subito sotto e abbiamo sofferto, com’è giusto che sia, ma siamo stati bravi a rimontare. Sotto il profilo del gioco non è stata una bella partita, loro l’hanno messa sul piano agonistico. Oggi era un banco di prova importante, volevo vedere come reagivamo nelle difficoltà ed è andata bene. Abbiamo avuto fortuna su alcune occasioni loro, ma è anche vero che uno la fortuna se la deve cercare. Siamo andati in difficoltà solo sui calci piazzati, ma anche noi abbiamo avuto poche occasioni. È stata una partita brutta, ma dobbiamo capire che ci sono anche gli avversari. Oggi hanno fatto molto bene e secondo me non meritano questa classifica. Sotto l’aspetto del gioco mi aspetto di più, ma sono contento perché abbiamo sofferto e giocato da squadra. D’ora in poi le partite saranno sempre più difficili, perché le squadre avranno più bisogno di punti. Non pensiamo alla Maceratese, dobbiamo ragionare partita per partita provando a vincerle tutte. Sono contento per Tozzi Borsoi, perché in queste ultime settimane ha ricevuto tante critiche sbagliate. Lui in una categoria così può farne trenta”.

TOZZI BORSOI: “Dovevamo vincere. È stato difficile per tanti motivi, loro hanno fatto bene ma alla fine ce l’abbiamo fatta. L’esultanza dopo il secondo gol? Il pareggio non ci bastava e quel gol è arrivato al momento giusto; è stato liberatorio, ma avrei esultato così anche se fosse stato un gol brutto – o se avesse segnato qualcun altro. A livello personale questa doppietta è importante per i due gol, non ho nessuno da cui vendicarmi e l’importante, ripeto, è la squadra. Non ho nessun obiettivo individuale, la mia carriera l’ho fatta, ora voglio solo vincere il campionato, che sia coi miei gol o con quelli di altri. Se segno tanto io, bene; se segniamo tanto in tanti, meglio. Che oggi sarebbe stata difficile lo sapevano, ne parlavamo da due settimane. È stata una partita brutta, difficile, con un campo difficile e parte della gara controvento; loro l’hanno messa molto sul fisico, ci ostacolavano in tutti i modi.

Differenza tra Paolucci e Mosconi? Con mister Mosconi eravamo più offensivi, ora un po’ più equilibrati. A livello personale mi trovo bene con tutti e due. Mosconi lo adoro, per tantissimi motivi, abbiamo un grande legame – ma mi trovo bene anche con Paolucci, e spero di instaurare un legame del genere anche con lui. E magari vincere un campionato anche con lui. I gol lo dedico alla città, che si aspetta tanto da noi e ha fame di vittorie”.

NAPOLANO: “È stata una partitaccia, ma la squadra aveva bisogno di una vittoria e fortunatamente è arrivata, meritatamente. Credo che oggi si sia vista la Samb che tutti vogliono vedere, che non molla mai nonostante le difficoltà. La gara è stata subito in salita: loro sono partiti bene, segnando subito, ma abbiamo reagito bene. Nelle ultime partite la forza arriva anche dalla panchina, sia oggi che col Matelica i cambi hanno aiutato molto. Siamo tanti e tutti importanti. Oggi molto merito va a Romano (Tozzi Borsoi, ndr), che ha fatto un gol meraviglioso”.

BORGHETTI: “Non abbiamo giocato poi così male, viste le circostanze. Il campo era difficile, abbiamo giocato controvento, ci hanno pressato molto, ma nonostante ciò abbiamo provato a giocare palla a terra. A volte ci è venuto meglio, a volte peggio, ma a me non è dispiaciuta. La difesa? C’è sempre da migliorare, oggi abbiamo concesso troppe punizioni dal limite e nel primo tempo abbiamo subito troppo i loro inserimenti da dietro. Colpa anche del vento, perché giocarci contro significa dover partire un metro dietro. In occasione della punizione che ha portato al gol è andata così, ma Alessandroni non doveva passare in mezzo a due dei nostri. Secondo me, comunque, il fallo non c’era. Tolte queste piccole disattenzioni, abbiamo fatto abbastanza bene”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 781 volte, 1 oggi)