SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si è svolta, nella mattinata del 3 gennaio, la conferenza indetta da Ambiente e Salute nel Piceno inerente allo stoccaggio gas. È stato deciso che nella fiaccolata prevista per l’11 gennaio saranno vietati simboli politici. Saranno ben accetti striscioni dei comitati e delle associazioni di cittadini. È stato ribadito il no alla costruzione dell’impianto anche al Prefetto di Ascoli Piceno con la consegna di 6500 firme di cittadini contrari alla realizzazione.

L’associazione ha presentato un ricorso al Tar contro il decreto di Via. “Durante la fase di preparazione del ricorso, siamo venuti in possesso di documenti che attestano ufficialmente la presenza di nuove gravissime criticità per la sicurezza dei cittadini, che si aggiungono alle altre, precedentemente comunicate alla magistratura” hanno affermato gli esponenti dell’associazione.

Dopo la fiaccolata, nel palco allestito in Piazza Giorgini, ci sarà spazio per degli interventi. “Hanno dato già la loro adesione numerose associazioni, anche da fuori regione, e alcuni sindacati. Hanno dato la loro adesione i sindaci di San Benedetto Giovanni Gaspari, di Grottammare Enrico Piergallini, di Colonnella Leandro Pollastrelli, e verrà anche una delegazione del Comune di Martinsicuro. Invitiamo la cittadinanza a partecipare in massa. E’ in gioco il futuro del nostro amato territorio” dichiarano i membri di Ambiente e Salute nel Piceno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 555 volte, 1 oggi)