SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ sempre l’anno del lungomare e pure il 2015 non sarà da meno, almeno sul fronte degli annunci. “Per l’amministrazione e l’interà città si tratta di un anno importante – ha dichiarato il vicesindaco Eldo Fanini durante il discorso di Capodanno al Palanatale – interverremo sul litorale e ad aprile inaugureremo il sottopasso di Via Pasubio, migliorando la viabilità. Ma sono in cantiere tanti altri lavori per abbellire e rendere più funzionale San Benedetto”.

Stesse parole pronunciate dalla maggioranza esattamente dodici mesi fa, che a loro volta risultavano identiche a quelle degli otto anni precedenti. Il progetto esecutivo dei primi 400 metri di Viale Trieste dovrebbe essere pronto per la primavera, con la Banca Picena Truentina che concederà il mutuo all’ente per una cifra di circa 2 milioni. Per il resto, Fanini si è rivolto alle vittime della crisi economica: “Soprattutto a loro va il nostro augurio di serenità, prosperità ed ottimismo”.

La notte di San Silvestro ha sancito il flop dell’ordinanza anti-botti firmata dal primo cittadino, che disponeva il divieto su tutto il territorio comunale. Invito rimasto chiaramente inascoltato dalla marea di ragazzini che passata la mezzanotte si è riversata in Piazza Giorgini per accendere petardi, mortaletti e artifici pirotecnici.

Riguardo alla tensostruttura di Piazza Mar del Plata, l’assessore Sorge ha insistito sulla bontà della scelta di non festeggiare il Capodanno in centro all’aperto: “Eravamo indecisi se organizzare là o qui al calduccio. Mai come quest’anno la decisione è stata azzeccata”. Eppure, in pochi hanno risposto alla chiamata, soprattutto nella fase antecedente ed immediatamente successiva al brindisi. Fino all’una si è esibita la Billy Bros jumpin’ Orchestra, seguita dai The Dead Lovers, che hanno potuto godere di una platea più numerosa.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.395 volte, 1 oggi)