GROTTAMMARE­ – Il capogruppo Lorenzo Vesperini, dopo l’analisi del sindaco Enrico Piergallini riguardo le varie vicende su accollo mutuo stadio Pirani e contributo per 20 anni, espone la sua opinione, trovando le risposte del sindaco approssimative e drammatiche mescolando l’affidamento con la gestione. Di seguito la nota stampa.

“Comprendo il forte imbarazzo tra le dichiarazioni rilasciate in consiglio comunale dove il Primo Cittadino affermava che non aveva nessun interesse nel conoscere i bilanci della società sportiva Grottammare calcio, quando invece, gli ricordo, sono degli obblighi verso il quale dovrebbe assumere un atteggiamento di controllo rispettando la convenzione sottoscritta nel repertorio n °3366.

La stessa convenzione prevede all’articolo 16 comma 14 che: per la liquidazione del contributo, la società sportiva deve presentare: “relazione sull’attività sportiva della società unitamente al Bilancio della stessa che, in caso d’ irregolarità sopra descritte, sono contestazioni utili a sospendere il pagamento” .

L’analisi inizia dal mancato controllo da parte dell’attuale amministrazione riguardo il bilancio del Grottammare calcio a.r.l che si ripete da diversi esercizi contabili, nel quale la buona gestione economica non veniva rispettata trovando nel bilancio 1 luglio 2012 – 30 giugno 2013 forti passività per ­182mila euro, ma condizione grave ed inaccettabile sono i debiti fuori bilancio per 140mila euro mai dichiarati ai soci che sommati evidenziano un saldo negativo di 322mila euro oltre ai diversi mutui accesi che dovevano già essere il campanello d’allarme per lo stop del versamento di soldi pubblici e tanto meno il comune si dovrebbe fare garante di una situazione debitoria evidente e mai analizzata e denunciata.

Allora mi chiedo come possa il Sindaco sorvolare in simili dati quando di mezzo ci sono soldi della collettività? E come mai si è deciso di non mettere a conoscenza il consiglio di questo dissesto creato da una cattiva gestione avendo l’attuale amministrazione tutti gli strumenti per comunicarlo e bloccare preventivamente il contributo?

Non si utilizzino frasi ad effetto come “…l’amore e lo spirito di bandiera fortificano il carattere culturale e sportivo”, ma si denunci e si faccia luce su una vicenda oscura dove alla conoscenza sui dati vari di bilancio succeduti e denunciati dal penultimo amministratore delegato sulle testate giornalistiche locali, si preferisce il silenzio.

Ribadisco al Sindaco di mettersi prima lui a conoscenza e successivamente tutta la cittadinanza sugli atti di mancata trasparenza e evidenziate nella gestione del Grottammare calcio che, gestendo un bene della collettività, vedono nei soldi pubblici finanziare un’attività per niente trasparente dove si prevede l’accollo dei mutui che in caso di fallimento o inadempienza saranno pagati dai contribuenti garantendo la piena copertura delle spese e autonomia gestionale incassando soldi da società grottammaresi per l’utilizzo dei campi, rette annuali dei ragazzi che si avvicinano al calcio, oltre agli incassi del fotovoltaico, diventando un’azienda con soli utili e zero rischi.

Basta con questa politica fatta di mestieranti senza particolare impegno o coinvolgimento, di ipocrita condivisione e finta disponibilità la quale toglie risorse economiche ai servizi, alle manutenzioni ordinarie, aumentando le tasse pur di mantenere inalterate le promesse da marinaio fatte.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 934 volte, 1 oggi)