GROTTAMMARE – Niente botti di fine anno, è in vigore l’ordinanza che mette al bando lo sparo di petardi e mortaretti e l’accensione di botti e artifici pirotecnici di ogni sorta, anche di quelli con solo effetto illuminante.

Nel testo, pubblicato integralmente sul sito internet del comune,  il sindaco Enrico Piergallini ordina quanto segue: “Su tutto il territorio comunale, nei luoghi pubblici o aperti al pubblico, nonché in luogo privato laddove possano verificarsi ricadute degli effetti pirotecnici sui luoghi pubblici, sono vietati lo sparo di petardi, lo scoppio di mortaretti, l’accensione di botti e artifici pirotecnici di vario genere e di qualsiasi tipo, compresi quelli ad effetto illuminante – anche se di libera vendita – nei giorni 31 dicembre 2014 e 1 gennaio 2015”.

L’amministrazione comunale “ritenendo comunque realisticamente non sufficiente il ricorso ai soli strumenti coercitivi richiama il senso di responsabilità individuale e la sensibilità collettiva, affinché ciascuno sia pienamente consapevole delle implicazioni e delle conseguenze che tale tradizione può avere per la sicurezza sua e degli altri, e possa anche decidere, in piena libertà, di abbandonarla”.

L’inosservanza del divieto comporterà l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da euro 25 ad euro 500.

Una serie di motivazioni è alla base del provvedimento, emesso per contrastare i  danni derivanti dall’uso imprudente o inadeguato di prodotti pirotecnici o similari, come limitare l’aumento del dato nazionale su incidenti e infortuni, spesso di grave entità, alle persone e salvaguardare il patrimonio pubblico e privato dal rischio di incendi, oltre che la salubrità dell’ambiente urbano.

Nell’ordinanza è sottolineata anche l’attenzione verso gli animali: “il fragore degli artifizi pirotecnici ad effetto scoppiante oltre ad ingenerare spavento negli animali li porta a perdere il senso dell’orientamento aumentando il rischio di smarrimento degli stessi, determinandone in alcuni casi anche il ferimento o la morte”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 454 volte, 1 oggi)