MONTEPRANDONE –  Non poteva essere altrimenti. Monteprandone è la terra natale del francescano San Giacomo della Marca, quindi, appartenente alla grande famiglia francescana fondata da San Francesco d’Assidi, Patrono d’Italia.

Fu proprio San Francesco, infatti, e ideare e realizzare il primo Presepe.

Quest’anno per iniziativa di P. Nicola Iachini nel chiostro del Santuario, San Giacomo della Marca, ci sarà un’unica ed irripetibile esposizione di presepi, ben mille, tra piccoli, medi e grandi.

Un immenso ed inestimabile patrimonio culturale e valoriale come questo appartiene proprio a P. Nicola che nella sua longeva azione di missionario non si è mai dimenticato del Presepe tanto da collezionarne 1000, tutti bellissimi e particolari: il presepe in una miniera, il presepe scolpito nella roccia, quello giapponese, quello cinese e tanti, tanti altri straordinari.

E’ una mostra che non può non essere vistata: sempre all’interno del chiostro del santuario in un’ala dello stesso è allestito lo splendido presepe meccanico di Fra Carlo che quest’anno è completamente rinnovato a partire dallo scenario in cui è ambientato: la valle del Nilo con piramidi e sfingi.

Nel centro storico, presso i locali espositivi del centro culturale comunale “Palazetto Parissi”, per iniziativa delle associazioni culturali “Segui la cometa” e “Mons. Eugenio Massi”, sarà visitabile la bellissima mostra dei presepi artistici che nel corso degli anni ha avuto un sempre crescente tanto da essere inserita nel percorso presepiale intercomunale di “Presepiando”. Questa iniziativa ha il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Monteprandone.

Non manca nel panorama presepiale monteprandonese l’ultratrentennale presepe tradizionale realizzato dalla locale Ass.ne Pro Loco nella rua Limbo nel centro storico del paese,

L’atmosfera natalizia è ancora più visibile grazie alle luci installate dall’Amministrazione Comunale e dal mega albero di natale posto nella centralissima piazza dell’Aquila del centro storico di Monteprandone.

Ancora una volta Monteprandone conferma la sua vocazione presepiale in perfetta coerenza e consapevolezza di essere comunque e sempre terra francescana.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.004 volte, 1 oggi)