di Serena Reda

GROTTAMMARE – Si è aperta a Grottammare al Bistrot Kursaal la terza delle cinque tappe del Marche Wine Tour. L’iniziativa, prima in Italia, è partita il 10 novembre da Pesaro e prosegue grazie all’associazione culturale enogastronomica “Le Marche da bere e da gustare”. La presentazione del concorso “La migliore carta dei vini della ristorazione marchigiana” è affidata al cavaliere Giuseppe Cristini. Lo scopo è restituire dignità, eleganza e tipicità ai vini delle Marche e dunque anche del Piceno, come sottolineano il direttore del Consorzio dei Vini Piceni Armando Falcioni e lo stesso Cristini. La tendenza che si riscontra oggi è una forte esterofilia. Contestuale a tale inclinazione è quella, uguale e contraria, di sottovalutare la qualità di ciò che il territorio è in grado di produrre. Questo significa ignorare la specialità di un “calice a metro 0” come viene definito da Cristini che, citando Fellini dice: un buon vino è come un buon film.

Il concorso prevede che tramite una scheda di valutazione, disponibile presso i locali aderenti e nel sito www.marchedabere.it, sarà il cliente a giudicare snellezza, leggibilità e flessibilità della carta dei vini. Il concorso terminerà il 31 gennaio 2015. Nel contesto del Vinitaly, che si terrà nel prossimo marzo, è prevista la premiazione di chi avrà inviato il maggior numero di schede valutative contenenti giudizi completi.

All’origine del progetto sta l’idea di dare il meglio al cliente. Quest’ultimo è protagonista del progetto ma ruolo importante è anche quello delle donne e degli uomini di sala. Sono loro le persone cui è affidato il compito di proporre il giusto calice. Il valore della vicinanza al cliente sarà anche oggetto di una giornata formativa gratuita per i ristoratori che si terrà il 19 gennaio. Importante, infatti, è non solo trattare bene il cliente ma offrirgli anche una spiegazione tecnica.

Secondo uno studio del professor Micozzi, riportato dal cavaliere Cristini, il buon vino si lega sempre a buoni pensieri. È questa l’ispirazione alla base del progetto “Take your wine” che si propone di ridurre, se non eliminare, gli sprechi. I ristoranti che aderiranno all’iniziativa saranno infatti dotati gratuitamente di wine bag. I clienti potranno così portar via e continuare a degustare a casa il vino scelto nel ristorante. Altro “buon pensiero” è l’asta dei vini per la beneficenza “Il vino fa bene, il vino fa del bene”. L’iniziativa di solidarietà precederà il Vinitaly.

Con il saluto del sindaco Enrico Piergallini, dell’assessore Lorenzo Rossi e della titolare Alessandra Pignotti, al Bistrot Kursaal di Grottammare si è svolto quindi un bell’incontro, volto all’esaltazione dei vini piceni abbinati a piccole leccornie preparate dal loro chef Vittorio Cameli, che ha proposto un tuffo nella cucina marinara locale con piatti sapientemente rivisitati senza snaturare la tradizione.

L’evento è stato interamente ripreso da una TV a circuito nazionale e sarà trasmesso in sette regioni, nella nostra zona andrà in onda su TV Centro Marche (canale 10 del digitale terrestre) giovedì 18 dicembre alle ore 21:10 e venerdì 19 dicembre alle ore 14:10, con repliche 1 ora dopo sul canale 110.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 567 volte, 1 oggi)