SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Emozione, curiosità e spirito giusto. Alla vigilia di Samb-Matelica il nuovo allenatore rossoblu Silvio Paolucci non poteva esimersi dal fotografare l’ attuale condizione della squadra affidatagli da pochi giorni.

“Devo dire di aver trovato un ottimo gruppo caratterizzato da valori importanti – ha commentato al termine dell’ ultimo allenamento – I ragazzi sono uniti, si impegnano e hanno la giusta predisposizione per affrontare questo percorso. Sotto il profilo mentale è normale che ci siano dei problemi dovuti agli ultimi risultati e al cambio della guida tecnica. Io, in questo poco tempo a disposizione, ho voluto lavorare soprattutto su questo aspetto parlando con tutti e adottando un confronto aperto e pulito”.

Quattro giorni non sono abbastanza per fare in modo che la pillola faccia effetto ma mister Paolucci è assolutamente convinto di quale sia l’ obiettivo da perseguire: “Questa squadra ha potenzialità enormi da tutte le parti – ha proseguito il nuovo tecnico – Da quello che emerge ci sono picchi importanti che vanno in alto ma anche picchi che peró vanno in basso. Facciamo gol ma allo stesso tempo ne subiamo molti. Non credo peró che il problema riguardi il singolo reparto ma penso piuttosto che qui si debba lavorare tutti allo stesso modo. Ci vuole continuità e io preferisco vincere 5 partite consecutive con un risultato pari a 1-0 piuttosto che vincerne una o due di fila siglando tanti gol ma tornando poi a perdere le altre. Io punteró sempre a fare risultato”.

Esordire in una piazza come San Benedetto del Tronto rappresenta per chiunque una fortissima soddisfazione ma al contempo potrebbe destare qualche piccola preoccupazione in merito al valore dell’ avversario di turno: “La Samb è una squadra viva e tra le piú forti di questo girone per cui domani staremo a vedere. Il Matelica è molto forte, ha ottimi giocatori e si fa rispettare – ha spiegato Paolucci – Quello che dobbiamo fare noi è entrare in campo con lo spirito giusto e vincere a tutti i costi.  Dobbiamo cercare di essere sereni. Non è facile mettere in atto quello che ho fatto in pochissimi giorni ma mi aspetto che le poche cose trasferite vengano messe in atto. Non ho fatto grandi stravolgimenti anche perché sarebbe stato impossibile ma mi sono dedicato a poche ma importanti accortezze”.

In quanto allo schieramento solo pochi dubbi: “Certezze ne ho ma non tutti i giocatori stanno bene. Devo valutare bene la condizione di Napolano – ha affermato l’ allenatore – Dietro schiereró una difesa a 4 composta da Baldinini e Lobosco in qualità di esterni e Borghetti e Vallorani centrali mentre al centrocampo ci saranno sicuramente Carteri e Borgese ma non so se verranno aiutati da Cichella o Franco. Per quanto riguarda l’ attacco invece nessun punto interrogativo su Tozzi Borsoi. Su Di Paola invece sto analizzando la sua situazione ma in via definitiva decideró tutto domani mattina”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 819 volte, 1 oggi)