SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Oggi è una giornata importante”. Sono queste le prime parole di Bruno Gabrielli nel giorno della sentenza d’Appello di secondo grado che condanna il sindaco Gaspari.

Una vicenda avviata proprio dall’esponente di Forza Italia, nel lontano 2007, quando contestò all’amministrazione comunale l’incarico affidato all’architetto Luigina Zazio per la redazione del Piano Regolatore Generale.

Gaspari ora deve dimettersi”, affonda Gabrielli. “Lui stesso dichiarò che l’avrebbe fatto se la sentenza fosse stata confermata. Sarebbe la cosa più naturale. E’ stata acclarata l’incapacità del sindaco. Un anno e mezzo fa fui ampiamente garantista, ma le remore e gli indugi adesso non esistono più”.

Sfidante di Gaspari alle amministrative del 2011, il consigliere comunale azzurro non fa sconti al primo cittadino: “Anche se pagasse la cifra richiesta, la sentenza rimarrebbe lì. Non si annullerebbe mica”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 791 volte, 1 oggi)