MARTINSICURO – “Vittima degli Eventi”, il fan movie che sta spopolando sul web, fa tappa nella città truentina. Verrà, infatti, proiettato martedì 18 novembre, alle ore 21, presso la sala Buon Pastore di via Lippi a Villa Rosa, il mediometraggio liberamente ispirato a Dylan Dog.

L’evento è stato organizzato dall‘associazione culturale Martinbook e durante la serata, ad ingresso libero, interverrà anche il protagonista, Valerio Di Benedetto. Il film sta riscuotendo grande successo e rappresenta una novità importante nel panorama cinematografico italiano, in quanto film realizzato interamente grazie al supporto e alle donazioni dei fan.

Attraverso due campagne di “crowdfunding”, sono stati raccolti 30mila euro che hanno permesso ai due creatori, Claudio Di Biagio e Luca Vecchi, rispettivamente regista e sceneggiatore del film, di dare la luce a questo innovativo mediometraggio.
Oltre a Valerio Di Benedetto, nel cast sono presenti anche Alessandro Haber, nei panni del famoso ispettore Bloch, e Milena Vukotic, nota al grande pubblico per aver interpretato la signora Pina in Fantozzi di Paolo Villaggio.

“Stiamo alzando lo standard qualitativo dei nostri eventi – dice Michele Giancaspro, vicepresidente dell’associazione Martinbook – Questo comporta però sacrifici sempre maggiori e soprattutto la necessità di fare rete con le altre associazioni del territorio, così come con le attività commerciali e le pubbliche amministrazioni. Mi preme ringraziare, in primis, il nostro segretario Samuela Palatini per essere riuscita a portare qui una tappa del film “Vittima degli Eventi”. Ci tengo poi a ringraziare l’associazione Cocalo’s Club per il supporto, la Scuola di Fumetto Adriatica, l’Hotel Villa Luigi e il ristorante Vecchia Lampada ”.

Non resta quindi che darci appuntamento a martedi 18 novembre con la proiezione di “Vittima degli Eventi”.

La trama Adele è succube di un agghiacciante sogno ricorrente; un sogno che spesso sconfina nella realtà tramutandosi in atroci visioni che raggiungono il proprio culmine passeggiando una sera per il centro di Roma. Dagli accertamenti medici non emerge nulla degno di nota e al fratello, che era con lei quella sera, diagnosticano un semplice attacco epilettico.
Scontratasi brutalmente con lo scetticismo generale ad Adele non resta che la via non convenzionale; decide così di rivolgersi a Dylan Dog. Professione: indagatore dell’incubo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 386 volte, 1 oggi)