SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Quest’amministrazione ha dimenticato totalmente la parola rispetto, non so delle leggi, ma sicuramente dell’etica”. E’ durissimo l’attacco dell’ex Ministro Antonio Guidi all’attuale giunta, colpevole di voler mettere in vendita l’immobile dell’ex scuola Petrarca.

In una lettera aperta alla città, Guidi ricorda la donazione dei suoi genitori fatta a San Benedetto “con il cuore” per costruire una materna.

E’ uno dei luoghi più belli della città. La scuola Petrarca – F. Guidi è sempre stata un fiore all’occhiello della comunità e ancora oggi mi risuonano alle orecchie le risate, i canti e le grida di tanti piccoli sambenedettesi e dei miei figli che giocavano nel parco della scuola. Oggi la giunta la mette in vendita per fare cassa, con un irrispettoso colpo di spugna tutto questo viene cancellato. Perché? Questa donazione aveva una forte vocazione verso il sociale, verso l’aiuto dei più bisognosi, dei bambini, dei disabili. Quante cose si potrebbero fare in una struttura così bella e funzionale? Penso ai bambini autistici, penso ad un centro diurno dove tutti i bambini possano giocare e formarsi, penso ad un centro di riabilitazione dove si può regalare un po’ più di serenità ed energia per affrontare ognuno la propria difficoltà. Invece di costringere le persone svantaggiate a lunghe ore di ospedale medicalizzando il sociale, o in luoghi angusti e claustrofobici magari anche costosi per l’ente locale perchè non utilizzare senza alcuna spesa questo piccolo grande gioiello?”.

Guidi accusa il sindaco Gaspari e Margherita Sorge. “Da Perotti a Perazzoli questo comportamento non ci sarebbe mai stato. Mi sembra l’altro ieri quando in una colma Palazzina Azzurra, presentando il mio libro dedicato a San Benedetto, il primo cittadino e l’assessore mi assicurarono che avrebbero difeso la vocazione sociale della donazione. Ma forse si trattava di un sogno di mezza estate”.

L’ex Ministro protesterà contro l’amministrazione nel corso del prossimo Consiglio Comunale: “Vi aspetto martedì 28”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 846 volte, 1 oggi)