Dal numero 1008 di Riviera Oggi, in edicola.

Il brodetto alla sambenedettese? Un orgoglio per i soli sambenedettesi. Fuori dai confini piceni scarseggiano i riferimenti al piatto tipico rivierasco, da tempo al centro di discussioni, polemiche e tentativi di rilancio.

Sul portale ufficiale del turismo italiano, Italia.it, il brodetto sambenedettese non esiste. Dopo una rapida panoramica regionale, dove si accenna a malapena all’utilizzo dello zafferano per la versione ascolana, le brutte sorprese giungono quando l’analisi si concentra sulle singole province.

Si parte immediatamente con la lode all’olio d’oliva “elemento principale della cucina picena che ne sottolinea la genuinità e la semplicità”. Spazio poi alle paste all’uovo, alle zuppe (di farro, lenticchie o fagioli), al fritto misto e al tacchino all’ascolana e, dulcis in fundo, ai vini, sia rossi (Rosso Piceno) che bianchi (Falerio).
L’amnesia tuttavia non si verifica salendo più a nord, tra le province di Pesaro e Urbino. Qui la zuppa di pesce s’impone, eccome. “Ai piatti di mare, come il brodetto, caratteristici della zona di Pesaro, si affiancano carni bianche, formaggi, salumi e insaccati”. A far loro compagnia, tra gli altri, i tournedos alla Rossini, i vincisgrassi, il prosciutto di Carpegna e la Casciotta di Urbino.

Fine delle beffe? Nemmeno per sogno. In home-page, virando lo sguardo sulla destra, appare il link denominato “Cooking”. Cliccandoci è possibile appuntarsi le migliori ricette italiane. “In questa sezione – si legge – è possibile scoprire i segreti delle principali ricette tradizionali regionali. Seguendo passo passo le indicazioni potrete prepararle facilmente a casa vostra”.
Automatico quindi l’ingresso nella pagina marchigiana, nella quale viene dato risalto esclusivamente alla frittura ascolana e al brodetto. Sambenedettese? No, anconetano.

L’edizione 2014 de “Lu vredètte” si svolgerà entro dicembre. All’evento, l’amministrazione comunale riserverà il riconoscimento del marchio Deco, “primo passo per arrivare all’ambito Dop”. Ma il percorso per l’ambita celebrità sarà assai lungo e in salita.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 888 volte, 1 oggi)