GROTTAMMARE – E’ atteso “Un mare di pace” alla Fiera di San Martino, la tradizionale manifestazione in programma nei giorni 10 e 11 novembre.

La Consulta per la fratellanza tra i popoli torna nelle scuole cittadine con la proposta di partecipare attivamente alle iniziative del Chiosco della Pace, la tradizionale “bancarella” di piazza Fazzini “dove non si vende ma si offre”.

Il progetto di quest’anno è sempre rivolto ai bambini della Scuola dell’Infanzia e della Scuola Primaria. Con l’aiuto dei docenti, gli scolari dovranno  realizzare una “Barchetta per la Pace”, ossia una sagoma a forma di barca, da ritagliare o costruire in qualsiasi modo, usando diversi tipi di carta o altro  materiale, e poi completare con  la decorazione di figure, parole, messaggi o poesie di pace.

I lavori andranno poi consegnati ai volontari della Consulta presso il Chiosco della Pace nella giornata di martedi 11 novembre,  dalle 10 alle 18.30. L’invito al Chiosco comprende anche la possibilità di intrattenersi in piazza Fazzini  per conoscere e imparare a vivere quotidianamente i principi della Carta dei diritti umani, attraverso attività di gioco.

Come per la Tela della Pace e il Libro dei Diritti (conservato nella biblioteca comunale), le barchette raccolte andranno a formare nuovi materiali di promozione della cultura della fratellanza e della pace, nell’ambito del progetto “Un mare di pace”.

“Pur in mezzo al legittimo e doveroso commercio della Fiera – fanno sapere dalla Consulta per la Fratellanza tra i popoli –  il Chiosco della Pace è uno strumento per  andare un po’ controcorrente e offrire ad alunni, docenti e famiglie qualcosa di gratuito, come l’opportunità di riflettere, di “gustare”, di promuovere valori come la Pace. Per la Scuola, sarà un’occasione in più per affrontare tematiche fondamentali per la formazione di personalità in crescita”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 332 volte, 1 oggi)