SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I residenti del Paese Alto si scagliano contro i lavori di riqualificazione di Piazza Piacentini. Nei giorni scorsi, Franco Lello, in rappresentanza degli abitanti della zona, ha inviato una lettera al Comune di San Benedetto nella quale si fanno notare i difetti della nuova pavimentazione.

L’accusa è quella di applicare “confusamente” un differente colore delle pietre. “In applicazione c’è l’avana, mentre inizialmente era maggiormente applicato il grigio, come si evidenzia dal progetto depositato. Si sta eseguendo un’arlecchinata goffa e volgare di irrimediabile intolleranza, non rispecchiabile per un lavoro di eleganza stilistica esecutiva, progettata in origine per qualificare l’ambiente. Il tutto sarà certamente negativo, anche per persone non esperte”.

Secondo Lello, appoggiato dal Movimento Cinque Stelle, il restyling non farebbe onore alla parte antica della città: “Nessuna piazza italiana presenta una così dissennata similarità. Quel luogo fa parte del patrimonio pubblico, non devo essere io a farlo presente a voi. Vi preghiamo un adeguato ed immediato controllo per ridare alla città una piazza realizzata secondo regola d’arte”.

Per gli interventi al Paese Alto, il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio ha stanziato 500 mila euro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 628 volte, 1 oggi)