SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sono iniziati i lavori di demolizione delle due palazzine di edilizia popolare di via Abruzzi in prossimità dell’incrocio con via Piemonte al posto delle quali sorgerà un edificio di cinque piani.

L’operazione vede coinvolto il Comune in quanto i due immobili accoglievano tre alloggi popolari (gli altri erano già stati riscattati negli anni passati dagli assegnatari). Grazie all’accordo raggiunto con la Cooperativa costituita dai proprietari degli alloggi e l’impresa Malavolta Alberto e Gabriele S.r.l., il Comune ha ottenuto in permuta due appartamenti più grandi a Ragnola che saranno assegnati seguendo la graduatoria di riferimento.

Il progetto, che beneficia del premio volumetrico del 20% previsto dal cosiddetto “piano casa” nazionale, prevede la realizzazione di 22 appartamenti. I proprietari delle vecchie unità immobiliari, costituitisi appositamente nella cooperativa “Centro Mare”, avranno dunque appartamenti nuovi, i restanti saranno messi sul mercato. E’ previsto anche un piano seminterrato per i posti auto a servizio del condominio.

“E’ da almeno 30 anni che si cerca di raggiungere questo obiettivo – dichiara il sindaco Giovanni Gaspari – avevamo anche problemi di agibilità in quegli edifici, ormai pericolanti, e la soluzione trovata, raggiunta dopo un complesso lavoro di mediazione tra il Comune e la cooperativa Centro Mare attraverso il suo Amministratore Adriano Bordoni, porta vantaggi a tutti. Il Comune ottiene la riqualificazione di un comparto oggettivamente in stato di degrado e due appartamenti nuovi da assegnare alle famiglie che ne hanno diritto”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 598 volte, 1 oggi)