SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Non è ancora passato un giorno dalla chiusura, temporanea, dell’incrocio viale De Gasperi-via Asiago che immediate sono arrivate le prime polemiche. Disagi registrati sia dai residenti sia dai commercianti della zona.

A tal proposito è intervenuto Pasqualino Piunti, gruppo Fi, che ha voluto esprimere la sua opinione. “Garantire la sicurezza stradale deve essere una priorità per qualsiasi amministrazione, premessa doverosa che però comporta anche qualche riflessione. Buono lo studio dei punti critici ma poco comprensibili le soluzioni. Prima si chiude uno svincolo (viale De Gasperi-via Asiago) e poi si studieranno i rimedi. Però si ammette candidamente che gli incroci più pericolosi (e che continuano a esserlo), sono altri. Via San Matino, via Roma per citarne alcuni”.

Il consigliere ha poi aggiunto: “Non è che ci aspettassimo tanto di più da chi ancora non riesce a risolvere la problematica di via Marsala, ma come si fa a chiudere un’intersezione senza una programmazione almeno in embrione? Gli abitanti di quella zona (viale De gasperi, via Piemonte, via Voltattorni e tutte le vie limitrofe) hanno appena smesso di subire i disagi rappresentati dalle zone blu del lungomare e dintorni che, ecco, si trovano di fronte un nuovo colpo a sorpresa. Ripetiamo, si deve lavorare per una città sicura, e questo riguarda anche la condizione delle strade e dei marciapiedi, ma bisogna farlo non con interventi ‘pubblicitari’ ma seguendo un preciso iter programmatico”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.059 volte, 1 oggi)