SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Da venerdì 5 a domenica 7 settembre un ispettore internazionale e uno della sezione nazionale della Fee, l’organizzazione che assegna le Bandiera blu, sono stati a San Benedetto del Tronto per una visita di controllo. Si tratta di una procedura prevista dal protocollo di assegnazione del riconoscimento che costituisce un importante momento di confronto tra i Comuni assegnatari della Bandiera Blu e i referenti della Fee, nell’ottica del miglioramento continuo della qualità dei parametri che il programma si prefigge.

Le visite si svolgono secondo una turnazione annuale nelle varie regioni italiane e quest’anno è toccato alle città “Bandiera blu” delle Marche.

L’attività ispettiva si è focalizzata sulla verifica della rispondenza degli standard prefissati da Bandiera Blu in riferimento alla gestione della spiaggia (pulizia e raccolta differenziata), ai servizi (tra cui l’accessibilità per i portatori di handicap, almeno in uno stabilimento per spiaggia), alla sicurezza (presenza del bagnino e delle attrezzature di sicurezza e di primo soccorso) e alla comunicazione ed informazione ambientale (punto blu, pannello informativo sul litorale e bacheche negli stabilimenti balneari). A San Benedetto gli ispettori hanno visitato il punto blu allestito al piano terra del municipio, il litorale, la Riserva Naturale Regionale Sentina e l’approdo turistico.

“La visita degli ispettori è stata per noi occasione di stimolo e di acquisizione di spunti utili – dichiara l’assessore all’ambiente Paolo Canducci – i riscontri sono più che positivi. Possiamo proseguire nell’azione iniziata ormai da otto anni da questa Amministrazione di migliorare anno per anno, in maniera costante, la propria qualità ambientale”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 332 volte, 1 oggi)