GROTTAMMARE – Il 31 agosto, il 7 ed il 14 settembre a partire dalle 18 fino alle 24 il vecchio incasato di Grottammare ospita la seconda edizione di Jutténizie – Ghiottonerie nel Borgo, L’evento che, grazie ad eccellenti proposte culinarie, valorizza enogastronomia, territorio e cultura di uno dei borghi più belli d’Italia.

Ghiottonerie nel Borgo è organizzata dall’Associazione Paese Alto Grottammare con il coordinamento di Michela Galieni, esperta di marketing e comunicazione, il patrocinio e contributo del Comune di Grottammare, della Provincia di Ascoli Piceno, e della presidenza del Consiglio Regionale e dell’Assemblea legislativa regionale.

E’ una cena itinerante, un vero e proprio itinerario turistico ed enogastronomico tra i ristoranti del vecchio incasato. Con Jutténizie, Grottammare porterà un modo tutto nuovo di assaporare i piatti tipici locali, per riscoprire il piacere di cenare potendo cambiare ristorante ad ogni portata seguendo un itinerario.

“Nella seconda edizione la ricerca di materie prime si è ampliata – riferisce l’organizzatrice della manifestazione Michela Galieni – dalla dimensione locale fino alla scoperta ed alla proposta di eccellenze tipiche marchigiane (solo per citarne alcune: la cicerchia di Serra de’ Conti, la marmellata di mela rosa dei Monti Sibillini, il lonzino di Fico ed il salame di Fabriano – presidi Slow Food). Queste materie prime rendono Jutténizie uno strumento per la promozione del territorio, ancor più poiché trovano abbinamento con pregiati vini dipremiate cantine marchigiane. Jutténizie non è una sagra, è una delle feste che l’Associazione Paese Alto Grottammare ha in serbo per contrastare la crisi ed attrarre nuovi turisti. Il Paese Alto è frequentato infatti da molti stranieri (nel 2014 l’incremento registrato è stato del 50%) che amano il Bel Paese, motivazione in più per noi per tradurre il menù in inglese: un modo diverso per accogliere il turista e renderlo ancor più partecipe della vita del Borgo”.

Entusiasta l’amministrazione comunale di Grottammare. Lorenzo Rossi – Assessore al commercio ed alle politiche contro la crisi – loda l’iniziativa come strepitosa, che nel 2013 ha registrato un inaspettato boom di presenza. “ Una forma magniloquente di chiudere l’estate, che ha un’anima poliedrica, diarte, musica, intrattenimento, enogastronomia, cultura e bellezza del Borgo”. Il Sindaco Enrico Piergallini definisce Jutténizie un modello organizzativo avanguardista: una festa sostenibile poiché economicamente autonoma ed un concetto di qualità che disegna il futuro, poiché promuove la vocazione qualitativa: estetica, culturale ed enogastronomica. “Dietro Jutténizie ci sono persone che amano il Borgo, non cercano di vampirizzarlo ma di rilanciarlo verso un domani migliore.” Infine Giuseppe Rivosecchi – presidente di Paese Alto Grottammare sosteiene che “l’associazione stessa ha un anima e Jutténizie non è un’operazione speculativa. Dalla manifestazione infatti sarà disponibile un contributo da devolvere ad azioni concrete che rendano il Borgo più vivo e più bello, che ospiti arte, cultura e coloro che apprezzano la bellezza.

Per partecipare a JutténizieGhiottonerie nel Borgo basta recarsi i giorni 31 agosto, 07 e 14 settembre dalle ore 18 nel Ghiotto point in Via Palmaroli, nel vecchio incasato di Grottammare e ritirare il coupon di 25 euro che comprende 7 tappe nei 7 ristoranti del vecchio incasato, con una degustazione di vino per ogni portata. Dal Ghiotto point i partecipanti alla kermesse iniziano la loro cena itinerante muniti di bicchiere con custodia a tracolla. Dall’antipasto al dolce, piatto dopo piatto si addentreranno nell’ itinerario di gusto, arte, cultura e musica. Seguire la cena itinerante è più semplice di quanto sembri… Si può studiare la mappa da fb/juttenizie oppure www.juttenizie.it e definire in anticipo il percorso oppure bighellonare le vie del vecchio incasato. Si partirà da “Ristorante Pizzeria Papa Sisto” con il tortino di verdure su vellutata di legumi annaffiato dal falerio della cantina “Carminucci”. Più in basso, presso “Frangipane Casual Restaurant” si troverà il panino gourmet bi-o, slow street food  ed i vini biologici della cantina “Capecci”. Proseguendo per via sotto le mura si gusterà un percorso per la mente con le istallazioni del progetto “Agro – fare il contadino è chic”. Da Porta Marina ci si dirige verso la “Vineria M481” ed agli gnocchetti dell’orto in connubio con il pecorino della cantina “Paolini & Stanford Winery”.  Si scende poi presso il “Ristorante Borgo Antico” dove si trovano i cappellacci del Papa accompagnati dal rosso piceno della cantina “Velenosi”. In Piazza Peretti sarà la volta della tacchinella in porchetta con cuori di patata al forno ed il rosso piceno superiore della cantina “Tenuta la Riserva” e presso “Monfleuri Bar a Vino” si troverà il bis di formaggi e marmellata di mela rosa dei Sibillini accompagnati dal rosso piceno 2011 della cantina “Vigneti Vallorani”. Il tour si conclude presso “Salsamenteria San Giovanni” con la zuppa inglese e lo spumante 100% lacrima della cantina “Conti di Buscareto”.

In collaborazione con Il Trenino dell’Arte, presentando la cartolina convenzionata, sarà inoltre possibile raggiungere Jutténizie – Ghiottonerie nel Borgo dal lungomare di Grottammare ad un prezzo ridotto (2 euro il ticket andata e ritorno, 1,50 la corsa singola. Corse ogni 40 minuti, dalle ore 18 alle ore 24.

La qualità e la soddisfazione degli ospiti è la parola chiave di Jutténizie e per garantirela massima qualità e la migliore accoglienza non saranno distribuiti più di 1000 coupon ciascuna sera. Ciò per garantire un’esperienza memorabile, unica di gusto e sapore con un’accoglienza eccezionale.

La kermesse è occasione per promuovere la qualità turistica del Borgo come garanzia di tranquillità ed accoglienza. Protagoniste saranno infatti le strutture ricettive Casa Pazzi residenza d’epoca, B&B Villa Paola, B&B Villa Fiorita, B&B Tre Finestre sul Mare, le botteghe artistiche Ceramiche Argyla, Spazio Colella ed Ele wedding che rappresentano oltre ad un servizio, la filosofia incentrata sull’ospitalità, garanzia di cordialità, calore e confort.

Il Borgo offrirà i suoi spazi a professionisti della musica, dell’architettura e dell’arte. Tutti coloro che parteciperanno alla manifestazione potranno inoltre visitare gratuitamente Musei civici e Chiese aperti fino alle ore 24 o lasciarsi cullare dalle note di suggestive performances musicali che faranno da cornice alla kermesse.

Previsto infine il concorso instagram #juttenizie2014. Attraverso lnstagramsi può comunaicare  una libera interpretazione di Jutténizie – Ghiottonerie nel Borgo. Per partecipare basta caricare la/le foto menzionando sempre @juttenizie e usando l’hashtag #juttenizie2014 scrivere anche un breve testo nelle tre domeniche 31 agosto, 7 e 14 settembre.

A Jutténizie non ci sono limiti alla creatività.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 798 volte, 1 oggi)