CATANIA – Ultima gara della giornata e seconda semifinale, quella che assegnerà il posto per sfidare i campioni in carica del Milano in finale scudetto. Due squadre in salute che con grinta e determinazione, hanno creduto fortemente nei propri mezzi arrivando fino a questo importante appuntamento con la storia. La Samb, addirittura a rischio qualificazione, ha prima conquistato il pass per Catania nell’ultima tappa del girone A a Viareggio battendo i padroni di casa ed estromettendo Barletta, ha poi conquistato la Supercoppa ed, infine, ha eliminato la DomusBet nella corsa scudetto insomma, un cammino eccezionale per i beachers di mister Di Lorenzo. L’Anxur Trenza ha invece mantenuto un ruolino di marcia costante fino a questo momento e non è più una sorpresa.

Pronti via e lo spettacolo ha inizio. Rovesciata bellissima di Palma e miracolo di Palmacci per l’Anxur. Gol mangiato, gol subito e Anxur passa in vantaggio con la fulminea conclusione di Savarese da posizione angolatissima. La Samb macina gioco ma non trova i giusti spunti per impensierire seriamente Palmacci ed i suoi compagni anche perché i pontini chiudono molto bene gli spazi e ripartono in velocità. Savarese parte rapidissimo e si avventa sul portiere marchigiano Carotenuto che tarda a rinviare, gli soffia il pallone e lo rimette al centro dove arriva Fontana che insacca ed è 2 a 0 per la matricola terribile. La grande tradizione di Terracina viene confermata grazie all’Anxur Trenza che ormai, ci crede davvero e vuole realizzare il sogno di giocarsi tutto nei tre tempi finali.

Il primo tempo non smuove il tabellone in fatto di risultato e ci si proietta alla seconda frazione dove non cambia il tenore del match con la Samb alla ricerca della rimonta e l’Anxur, a gestire il doppio vantaggio. Gli sforzi dei marchigiani vengono premiati dal gol di Jordan a meno 5 dal termine riaprendo speranze e partita. Ancora Jordan ad impegnare Palmacci su punizione e ad 10′ il pareggio è sfiorato in modo clamoroso con la traversa piena colpita in rovesciata da Palma. Il gol è nell’aria e ci pensa Jordan, ancora lui con un tiro forte e preciso che significa 2 a 2. L’Anxur reagisce e colpisce a sua volta una traversa che anticipa incredibilmente l’ennesimo legno della Samb. Partita stupenda e dall’esito imprevedibile. Mancano solo 20″ quando lo stadio viene giù per il gol di Bruno Novo. Il numero 18 della Sambenedettese riceve palla nella propria metà campo e vedendo Palmacci leggermente fuori dai pali, lancia in porta un pallonetto al “veleno” che porta in vantaggio i rossoblù. Rimonta e vantaggio proprio sul filo e terzo tempo che si preannuncia da oscar. Scatta l’ultimo scorcio ed è battaglia sportiva senza risparmio. L’Anxur è temibile e non mostra il minimo segnale di cedimento anzi, al 3′, ha l’opportunità per riacciuffare il risultato su punizione. Sulla palla si porta Carmo che esegue con forza e ad effetto ma Carotenuto mura e rilancia avanti dove Perez aggancia, tira e colpisce la traversa, ancora una in questa partita intensissima. Al 5′ per la Samb si presentano le porte del paradiso aperte grazie ad un calcio di rigore che Bruno Novo trasforma nel 4 a 2 che avvicina i marchigiani ad una finale inimmaginabile solo due settimane fa. La squadra laziale ci mette il cuore e tutta la benzina di cui dispone ma la Samb è diventata una sorta di ostacolo insuperabile. I minuti corrono e limitano le possibilità dei terracinesi di ribaltare il verdetto di questa seconda, bellissima, semifinale. A mettere l’ipoteca sulla vittoria ci pensa la coppia Jordan-Perez. Assist del primo e rete del secondo a recitare 5 a 2 per l’Happy Car Sambenedettese e fine di un sogno per l’Anxur Trenza Terracina. In tre giorni la Samb si porta a casa Supercoppa di Lega e finale questo è il bello del beach soccer che finisce la partita nel tripudio di tutto il gruppo.

Ecco il tabellino della gara. Anxur Trenza: D’Andrea, Torres, Morgera, Simonelli, Altobelli, Carmo, Alla, Palmacci, Foresi, Savarese, Fontana, Jordan. All: Pasquali (assente per squalifica). Happy Car Sambenedettese: Carotenuto, Leghissa, Pastore, jordan, Di Maio, Soria, Palma, Perez, Bruno Novo, Marazza, Addari, Comello. All: Di Lorenzo

Arbitri: Balacco (Padova), Buscema (Udine).

Reti: 1′ pt Savarese (A), 7′ pt Fontana (A); 7′ st Jordan (S), 10′ st Jordan (S), 12′ st Bruno Novo (S); 5′ tt Bruno Novo (S) su tiro di rigore, 10′ tt Perez (S)

Note: Ammoniti Torres (A), Savarese (A),

Domenica 3 agosto, diretta su Raisport2 alle 17.30, i rossoblù sfideranno Milano per la conquista del titolo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 379 volte, 1 oggi)