SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Non solo la scuola media Curzi. La struttura che ospita il Palazzo di Giustizia potrebbe accogliere anche la materna di Via Togliatti. Lo ha annunciato in Consiglio Comunale il sindaco Gaspari, nel corso del dibattito in merito alla variante parziale al Prg finalizzata alla realizzazione del polo scolastico tramite la ristrutturazione dell’ormai ex tribunale.

Un traguardo però di non facile concretizzazione. “Dovremo condividere ancora alcuni locali, il piano terra sarà infatti destinato agli archivi ed in parte rimarrà a disposizione del Tribunale. Prima o poi troveremo spazi e risorse per sistemarli; a quel punto potremo approfondire la questione”.

Costruito nel 1988, la riconversione dell’immobile costerà 2,4 milioni, da realizzarsi in due lotti esecutivi di importo di 1.650.000 (fondi comunali già disponibili) e 750.000 euro.

Diciotto le aule previste. “Vogliamo togliere i ragazzi da situazioni indegne”, ha proseguito il primo cittadino. “Penso che tra l’eccellenza auspicata ed un oggi di qualità sia meglio l’oggi di qualità”.

Per i Cinque Stelle e i Diversamente Democratici l’edificio sarebbe inadatto alla nuova destinazione. Dimensioni troppo ridotte, meglio allora concentrarsi sulla costruzione di un plesso nuovo di zecca e ad alta efficienza energetica. “Occorre un impegno per trovare la somma mancante per eseguire la seconda fase dell’intervento”, ha osservato la Emili. Ma Gaspari ha ribadito la bontà del progetto: “Il luogo è idoneo e adeguato per l’attività scolastica. Abbiamo bisogno di un anno, rivolteremo come un calzino un immobile che ci è stato chiesto da Guardia di Finanza, Carabinieri, Polizia di Stato e Agenzia delle Entrate. Abbiamo risposto sempre di no. Per noi esistono delle priorità”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 617 volte, 1 oggi)