MARTINSICURO – Assolto perchè il fatto non sussiste. Assoluzione piena per il consigliere con delega alla Sicurezza, Sandro de Angelis, nella causa intentata da due vigili urbani che lo avevano denunciato per diffamazione.

La vicenda, che risale a più di un anno fa, nasce dall’acquisto di due banane da parte dei due vigili in un chiosco ambulante, e dalla voce, ripetuta in presenza di diversi testimoni dal consigliere Sandro De Angelis, secondo cui gli agenti avrebbero preteso di non pagare il corrispettivo al commerciante.

I due agenti avevano così querelato il consigliere delegato alla Sicurezza, ma per la procedura era stata inizialmente richiesta l’archiviazione. I due querelanti però avevano fatto ricorso e il sostituto procuratore, Stefano Giovagnoni, aveva deciso di firmare il decreto di citazione diretta a giudizio nei confronti del consigliere. L’accusa fu “di aver, comunicando con più persone, offeso l’onore e il decoro di due agenti della polizia municipale, mediante attribuzione di un fatto determinato, non rispondente al vero, ossia che i due avrebbero preteso di non pagare il prezzo della frutta da un’ambulante cittadina”.

Soddisfatto per l’esito della vicenda anche il sindaco Paolo Camaioni: “Desidero esprimere tutta la mia soddisfazione per il felice epilogo della vicenda che ha coinvolto l’amico Sandro De Angelis, Delegato alla Sicurezza. Ho vissuto personalmente accanto a lui le ultime tappe dell’iter processuale e posso attestare, senza tema di smentita, la linearità e la trasparenza del suo comportamento. Assai improbabile che nelle azioni messe in atto da chi condivide con me questa esperienza amministrativa, possano annidarsi secondi fini o (peggio) la volontà di nuocere a qualcuno. Che possa piacere o meno, il nostro impegno cerca di essere funzionale esclusivamente al bene della nostra Città. Una giornata da incorniciare”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 409 volte, 1 oggi)