GROTTAMMARE- I riflettori si accendono nuovamente sul Vecchio Incasato di Grottammare e questa volta per la XII edizione del Festival Liszt, un appuntamento da non mancare per gli appassionati della musica classica.

Il Festival celebra il soggiorno del grande compositore e pianista ungherese Franz Liszt nella Perla dell’Adriatico: il musicista alloggiò nella città di Grottammare nell’estate del 1868 e ne rimase affascinato a tal punto da descriverla come luogo di pace e di serenità.

Quest’anno una grande novità: il giorno 17 agosto alle ore 21,30 presso il Teatro delle Energie, insieme al talentuoso pianista Giuseppe Albanese, ci sarà ad affiancarlo anche l’orchestra “I soliti Aquilani”. Nel corso della serata consegna Premio Liszt a Giuseppe Albanese.

Il calendario si presenta ricco di eventi: il 27 luglio alle ore 21,30 presso la Chiesa di Santa Lucia si terrà l’anteprima festival “Dagli studi trascendentali di Liszt a Stravinsky”, condotta del pianista russo Vadym Kholodenko, vincitore del prestigioso concorso americano Van Cliburn. Il 20 agosto “Liszt a 4 mani” con i musicisti Duo Paolo e Aurelio Pollice, il 22 agosto “Liszt… per due” con gli straordinari pianisti, originari di San Benedetto del Tronto, Costanza Principe e Umberto Jacopo Laureti, il 25 agosto “Da Bach a Liszt” con l’artista Ran Jia, figlia di Daqun Jia, uno dei più grandi compositore cinesi che per l’occasione ha composto un brano per clarinetto e pianoforte.

Gli appuntamenti musicali si concluderanno il 27 agosto con il consueto incontro conferenza a cui parteciperà anche Jean Yves Clement, direttore artistico Lisztomania Festival di Chatoroux, a partire dalle ore 19 sotto le Logge di piazza Peretti, a seguire degustazione vini e infine alle ore 21,30 gran concerto del pianista francese Pierre Reach.

Le parole del sindaco che ha commentato l’evento: “Dodici anni fa è nato il Festival Liszt, da subito crocevia di cultura. Il borgo antico di Grottammare, grazie anche alla collaborazione della manifestazione con Lisztomania Festival di Chatoroux, è entrato in contattato con altre realtà come la Francia e la Cina. Il Festival, perciò, si presenta come l’occasione giusta per raccontare al mondo intero la storia del borgo e delle sue meraviglie. Dal 27 luglio al 27 agosto il Paese Alto diventa così la location ideale per la musica”.

La rassegna musicale è organizzata dal Comune di Grottammare insieme alla Fondazione Gioventù musicale, sezione “Petrini” presieduta da Rita Virgili e dal Direttore artistico Federico Paci.

Ingresso concerti: abbonamento 6 concerti 48 euro, ridotto fino a 20 anni 32 euro. Biglietto Chiesa Santa Lucia 10 euro, ridotto 6 euro. Teatro delle Energie: 15 euro, ridotto 8 euro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 420 volte, 1 oggi)