SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Giovedì 24 Luglio, dalle 22 in Palazzina Azzurra, incontro-dibattito sul tema: “Storie di (stra)ordinaria integrazione”.

L’Italia è ancora lontana da una vera integrazione multirazziale, eppure in qualche modo ci proviamo a dire no alla diffidenza, alla paura ed all’intolleranza dilagante ormai in Italia ed in tutta Europa.

L’immigrazione è un fenomeno irreversibile e la società italiana sta diventando sempre più multietnica. Storicamente, non abbiamo in Italia una tale tradizione, non siamo un paese con un passato coloniale come ad esempio la Francia o la Gran Bretagna. In dieci anni abbiamo dovuto affrontare un fenomeno nuovo e dirompente dal punto di vista sociale, economico e non da ultimo istituzionale.

Possiamo però parlare di “modello italiano”, come di un sistema che, nonostante tutto, sta reggendo. Di sicuro il processo di integrazione sociale e lavorativa dei migranti presenti nel territorio nazionale deve individuare un approccio che metta le persone al centro della programmazione e degli interventi.

L’incontro-dibattito affronta il tema del lavoro mettendo a confronto le tradizioni degli immigrati e le realtà culturali e politiche dei territori che si stanno trasformano positivamente anche grazie alla loro presenza. Senza la comunità dei Sikh a Novellara non sarebbe più possibile produrre il parmigiano reggiano, in quanto nessun italiano è disponibile oggi a lavorare nelle stalle.

Con modalità e angolazioni differenti, i relatori si interrogano e si confrontano sulle problematiche dei territorio, alla ricerca di una integrazione spesso complessa, riflettono anche sulla condizione di noi italiani, su quello che esiste in ambito politico a casa nostra.

Interventi di: Marco Bellardi (Responsabile Coordinamento Segretariato Permanente Istituto Adriatico Ionico – Regione Marche), Angelo Bozzolini (Regista), Gioia Di Cristofaro Longo (Antropologa Culturale). Presiede: Beatrice Coletti (manager tv e Channel director del Canale Babel dal 2011 al 2013).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 339 volte, 1 oggi)